Il talento artistico dei liceali del Munari al Piccolo Rifugio

Un'esperienza di successo di alternanza scuola lavoro, ma anche di crescita umana e condivisione creativa.

Il talento artistico dei giovani entra da protagonista al Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto.

Fino a venerdì 16 giugno il centro diurno Vettoretti del Piccolo Rifugio ha avuto l'onore di accogliere cinque studenti del liceo artistico Bruno Munari di Vittorio Veneto, che hanno svolto il loro periodo di alternanza scuola lavoro, frutto della convenzione siglata dalla scuola con la Fondazione Piccolo Rifugio.

Anna, Ming, Nicola, Ivana e Margherita, studenti dell'indirizzo Arti Figurative del Munari, hanno condiviso per una o due settimane, ogni giorno, la vita del centro diurno. Anzitutto sperimentando la sfida e la bellezza di mettersi in relazione con uomini e donne con disabilità, ma poi anche mettendo a disposizione le proprie competenze per promuovere l'espressività artistica del Piccolo Rifugio.

Ad esempio, i giovani hanno creato, disegnando con le loro esperte mani, nuovi modelli per magliette. Da quei disegni gli operatori del centro diurno ricavano mascherine in carta su cui le persone con disabilità stendono il colore... ed ecco pronte le magliette, frutto della collaborazione di tutti.

magliette piccolo rifugio

Gli studenti del Munari hanno anche partecipato al laboratorio di creazione di carta riciclata che coinvolge tutto il centro diurno, oltrepassando i limiti delle disabilità. Con quella carta riciclata hanno creato segnalibri, scatoline e biglietti d'auguri.

segnalibri

Alcuni dei frutti del lavoro e della creatività degli studenti del Munari assieme a uomini e donne del Piccolo Rifugio saranno in mostra durante il mercato settimanale di Serravalle, in una piccola esposizione nel cortile del Piccolo Rifugio.

Il Piccolo Rifugio ha coinvolto e dato responsabilità agli studenti anche in vista dei festeggiamenti per i 60 anni della struttura, in programma domenica 23 luglio: opera dei giovani del Munari sono il logo ufficiale del sessantesimo, un'immagine speciale per la pagina Facebook del Piccolo Rifugio, l'idea per uno striscione commemorativo.

Tutor scolastico e coordinatore di questo progetto di alternanza lavoro è stata la docente del Munari Fortunata Gallo, mentre tutor formativo esterno è stata la coordinatrice del centro diurno del Piccolo Rifugio Sonia Posocco.

Un altro studente del Munari, dell'indirizzo audiovisivo e multimediale, ha svolto in queste settimane un reportage fotografico al centro diurno Vettoretti, sotto la guida del fotografo professionista Renato Zanette di Fotosprint, un amico su cui il Piccolo Rifugio può da tempo contare.

I cinque giovani del Munari non sono gli unici studenti al Piccolo Rifugio: in queste stesse settimane la casa di viale della Vittoria ospita anche studenti dell'istituto professionale per i servizi sociosanitari del Marco Fanno di Conegliano, impegnati nel loro tirocini, mentre a luglio due liceali del Collegio Dante arriveranno per un periodo di alternanza scuola lavoro.

A tutti loro, e agli insegnanti che organizzano il loro servizio e il loro progetto formativo, il grazie del Piccolo Rifugio.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok