IL TURISMO RELIGIOSO METTE IN RETE DIOCESI E TERRITORIO

Contenuti, presenze e prospettive al convegno del 7 aprile a Pieve di Soligo

Il turismo religioso entra a pieno titolo nell’agenda di promozione del territorio nelle province di Treviso e Belluno. La conferma arriva direttamente dal successo del convegno interdiocesano svoltosi venerdì 7 aprile nell’auditorium Battistella Moccia di Pieve di Soligo sul tema “Turismo Religioso – Cultura promozione e sviluppo per le nostre comunità. Le diocesi di Vittorio Veneto e Belluno-Feltre in dialogo con la società, l’economia e le istituzioni”.

Ben centocinquanta persone presenti nell’arco dei lavori pomeridiani, coordinati dal direttore scientifico del neonato Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”, Marco Zabotti, con tanti esponenti delle realtà ecclesiali e civili, del mondo della scuola e delle professioni, sindaci e amministratori comunali e operatori del settore che hanno ascoltato con grande attenzione interventi, comunicazioni e dialoghi dei vari relatori accorsi a Pieve di Soligo, per un giorno piccola “capitale” veneta del turismo religioso.

A cominciare dal Vescovo di Vittorio Veneto, Corrado Pizziolo, che ha parlato soprattutto della «relazione fra azione pastorale e turismo religioso, che punta a valorizzare beni della Chiesa cattolica che sono nella libera fruizione di tutti, offrendo occasioni importanti di crescita spirituale e culturale», mentre il Vescovo di Belluno-Feltre, Renato Marangoni, si è soffermato «sulla domanda di senso religioso che attraversa le persone e i gruppi interessati a questi percorsi, in una società profondamente mutata nei suoi riferimenti di tradizione cristiana». Per parte sua, don Gianmatteo Caputo, direttore dell’ufficio nel Patriarcato di Venezia e incaricato triveneto beni culturali e edilizia, ha messo in luce «le grandi opportunità di incontro, di accoglienza e di crescita complessiva per le comunità ecclesiali e civili che possono derivare da una dinamica turistica capace di esaltare la bellezza e la genialità dei luoghi sacri, e la loro autentica vocazione religiosa».

All’inizio della seconda sessione, un racconto in video a cura di Federico Campodall’Orto ha espresso in sintesi, con la forza delle parole e delle immagini, tutte le attività svolte in quattro anni dal progetto “Beato Toniolo. Le vie dei Santi” della diocesi vittoriese, che ha promosso cultura e spiritualità, arte e bellezza, la formazione degli operatori culturali volontari e tante iniziative di accoglienza e di visite nelle chiese tra Piave e Livenza, da tempo ormai in stretto raccordo con Belluno, come ha ricordato nel suo saluto il presidente dell’Istituto, Diego Grando.

E proprio la profondità di contenuti e la concretezza di risultati della sinergia del lavoro delle due diocesi è stata al centro della narrazione di Cristina Falsarella, Ivana Faramondi e Andrea Bona, rispettivamente presidente, vice presidente e componente del Comitato Turismo Religioso delle diocesi di Belluno-Feltre e Vittorio Veneto, che hanno evidenziato il lavoro intenso per il corso superiore biennale per operatori del turismo religioso, i concorsi per le scuole e l’apertura ad altre realtà diocesane dell’Alto Adige, ponendo anche il tema di un possibile riconoscimento per gli operatori culturali ecclesiali che fanno accoglienza ai visitatori nei luoghi sacri.

Una dinamica di rete, quindi, sempre più ampia e più ricca anche a livello interregionale, nella quale è bene inserito il progetto della via dei pellegrinaggi “Romea Strata”, illustrata con passione, efficacia e immagini dal suo ideatore e animatore, don Raimondo Sinibaldi, direttore dell’ufficio pellegrinaggi della diocesi di Vicenza.

Il terzo momento del convegno, incentrato sui rapporti diffusi di collaborazione del turismo religioso con i soggetti attivi e i portatori d’interessi del territorio, ha visto un primo confronto con Paola Pagotto, presidente della Cooperativa Insieme Si Può, Innocente Nardi, presidente Consorzio Tutela Prosecco DOCG, Giovanni Follador, presidente regionale Unpli, e Michele Genovese, direttore Gal Alta Marca Trevigiana: hanno tutti espresso piena adesione e disponibilità alla progettualità, e sottolineato il valore della relazione con il turismo religioso anche rispetto ai temi dell’identità cristiana e della socialità per la vita delle comunità locali. 

Infine, dal punto di vista dei rapporti con i soggetti istituzionali, sulla scia di positive esperienze già realizzate insieme, la conferma di importanti condivisioni e aperture alla collaborazione è arrivata da Luciano Fregonese, presidente Consorzio Bim Piave di Treviso (anche a nome del collega presidente Bim Belluno, Umberto Soccal), Gabriella Faoro, dirigente della Provincia di Belluno, Roberto Fava, consigliere delegato cultura e turismo della provincia di Belluno, e dal dottor Flaviano Torresan, dell’ufficio promozione turistica integrata della Regione Veneto. Analogo messaggio di apprezzamento e volontà di sinergia era arrivato nei saluti di apertura del convegno da parte dal sindaco di Pieve di Soligo, Stefano Soldan, anche nella sua veste di presidente IPA Terre Alte Marca Trevigiana.  






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok