QualBuonVeneto

01 Giu 2016


Patrono di San Vendemiano

Un breve almanacco per il Santo del nostro Paese!

Oggi, 1 giugno 2016 ricorre San Vendemiale, Patrono di San Vendemiano, Comune che conta 10.107 abitanti.

Ma parliamo un pò della vita del Santo. Visse intorno alla metà del V° Secolo nell'Africa settentrionale dove, in quel periodo, si era iniziato a diffondere il Cristianesimo; lì difese insieme ad altri vescovi, la fede cattolica dal re dei Vandali, Unnerico, che era a favore di Ario e all'eresia, da qui il nome "arianesimo". Fu perseguitato da quest'ultimo per il suo credo.

Dalle fonti storiche fu definito "Sacerdote egregio e fedele vescovo di Cristo". Ci sono varie leggende, per spiegare il suo culto. Il vescovo Appiano lo convinse a consacrarsi a Dio, diventando sacerdote. Anni dopo, viste le sue doti, lo vollero consacrare vescovo di Capsa, una cittadina africana.

Vendemiale, da vescovo partecipò molto attivamente alle controversie con gli ariani, e fu sostenitore della fede trinitaria al Concilio di Cartagine nel 484; sostenne insieme ad altri vescovi prove vittoriose con vari miracoli contro gli Ariani.

Il re Unnerico, lo confinò sull'isola di Corsica insieme ad altri vescovi, a tagliare legna. Finito l'esilio tornò in patria dove predicò la fede insieme al vescovo Eugenio di Cartagine. Ma spinto dal rivedere i luoghi del suo esilio, tornò in Corsica, dove continuò a diffondere il suo apostolato fino alla morte.

Diventò subito Santo. Il corpo era sepolto in Corsica. Fino al 760 quando il vescovo Tiziano decise di portarlo a Treviso nella Chiesa di San Giovanni Battista, per evitare che i Saraceni che avevano invaso la Corsica le profanassero. Attualmente si trova sul primo altare a destra dell'entrata del Duomo.

 

 






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok