Sen#Ape

Un libro (Alba Edizioni) per sensibilizzare sul mondo delle api con aneddoti storici e curiosità su questi preziosi insetti e sui loro prodotti.

Mara, raccontaci un po’ di te… Di che cosa ti occupi? Come nasce la tua passione per il mondo naturale, in particolare per le api?

Io mi occupo di miele e api. Commercio miele di tutto il mondo, dalla Nuova Zelanda al Cile (prossimamente anche altri paesi “new entry”). Sono apicultrice e mi diletto ad assaporare la tranquillità che dona questo insetto super organizzato. Ho conosciuto per caso, ad un evento sportivo di Sliderking (dove ho vinto il mondiale 2013), un prodotto naturale che dà energia e da lì sono partita, per scherzo, a proporre un energetico al miele, ginseng e pappa reale nel mio mondo preferito e conosciuto che è il ciclismo. Poi l’argomento Api mi incuriosiva e ho iniziato a studiare, leggere, frequentare conferenze, gruppi di apicoltori, finché, su suggerimento del mio primo fornitore che ha 600 arnie in Toscana, ho comprato le mie prime 4 arnie. Così, mi si è aperto un mondo fantastico e vorrei comunicare a tutti le nozioni principali e fondamentali che ho appreso sulle api.

Che cosa ci dicono le api?

Le api ci dicono che il loro contributo è fondamentale per il nostro ecosistema, tutto dipende da loro, ma stanno morendo di fame perché la monocoltura porta a sradicare tutto ciò che è cibo per loro. Perciò, dobbiamo avvederci in tempo e cominciare, per esempio, a utilizzare prodotti biologici nel rispetto della natura. Un consiglio molto semplice e pratico: piantare fiori nettariferi, piante per le api. Insomma, questo le api ci chiedono: amore per loro, per la natura e per noi stessi.

Com’è strutturato il libro? Qual è il suo obiettivo?

Il libro si rivolge a un pubblico vario, è per tutti! Ci sono cenni storici sulle api, dagli egizi ai romani. Ci sono i vari stadi della vita dell’insetto, della regina, dei fuchi. E molte altre pillole interessanti: poesie, ricette con il miele in abbinamento ai formaggi, descrizioni delle piante che aiutano le api, informazioni sulle proprietà del miele, trucchi di cosmetica naturale utilizzando il miele e gli altri prodotti dell’alveare, etc. etc. L’obiettivo è sensibilizzare la comunità. Costa molto poco proprio perché voglio raggiungere almeno 1.000.000 di persone. Ogni italiano se lo può permettere. Voglio diffondere cultura consapevole. Ho anche in programma la traduzione in inglese perché vorrei spedire il libro a Londra all’architetto Wolfgang Buttressche, che ha disegnato il padiglione della Gran Bretagna a Expo Milano 2015 e che fa anche musica sulla base delle “note” dell’alveare. . Permettetemi alcune note sul padiglione. Punto focale della visita era l’ingresso (al piano superiore) al centro dell’alveare: entrando si era circondati da impulsi e brusii, insieme a 1000 lucine LED collegate a vere api. Il grande alveare era, infatti, collegato con un vero alveare nel Regno Unito monitorato dalla Nottingham Trent University: di notte, il movimento delle api veniva utilizzato per illuminare il padiglione. Il risultato era un fantastico gioco di luci che si accendevano e si spegnevano a seconda della quantità di moto registrata a Nottingham.

Sen#Ape, titolo curioso… che cosa significa?

La senape è una pianta con un fiore giallo di cui le api vanno ghiotte. Sta fiorendo proprio in questo periodo! Dal fiore giallo possiamo ricavare i semi e usarli per condire l’insalata. Inoltre, Sen Ape (Siamo Ape) è un modo simpatico per ricordare il nostro dialetto veneto: per giunta, dato che il Veneto è la regione più inquinata d'Italia, è anche quella più a rischio di rimanere senza Api, e senz’api, come detto sopra, è compromessa la nostra stessa sopravvivenza. Ho utilizzato l’hashtag (#) per dare un imput maggiore alle persone a cercare nel web tutto il possibile se questo fondamentale insetto.

Per saperne di più: Facebook "ApeMara"






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok