QualBuonVeneto

21 Nov 2019


Storia e attualità del rugby nel contesto veneto e internazionale

Convegno e incontro pubblico sabato 23 novembre a Treviso

L’Italia, insieme a Francia e Giappone, rappresenta un’eccezione nel mondo del rugby perché, nonostante la comune tendenza degli sport moderni a globalizzarsi, la diffusione geografica di questa disciplina sportiva resta oggi strettamente legata a quello che fu l’impero britannico. Tra le regioni italiane, il Veneto è senz’altro la terra dove questo sport ha radici più forti, ramificate in una fitta rete di club, piccoli, medi e grandi.
Come mai in Italia, e nel Veneto in particolare, “l’ecosistema rugby” ha trovato un ambiente così fertile?
Di questo e di molto altro si parlerà sabato 23 novembre nell’auditorium degli spazi Bomben di Treviso, città in cui il rugby vanta una lunghissima e gloriosa tradizione, legata soprattutto alla squadra del Benetton Rugby. La Fondazione Benetton Studi Ricerche, nell’ambito delle sue attività di studio e ricerca sulla storia del gioco e sulla complessità del sistema ludico, dedica infatti un’intera giornata alla Storia e attualità del rugby nel contesto veneto e internazionale, attraverso due momenti pubblici: in mattinata, dalle ore 9.30 alle 13, un convegno di studi con storici, filosofi, giornalisti, esperti della disciplina, e nel pomeriggio, a partire dalle ore 17, un incontro pubblico, in collaborazione con il Benetton Rugby, che coinvolgerà protagonisti del rugby trevigiano e nazionale, organizzato dopo la partita di esordio allo stadio Monigo di Treviso, nella Heineken Champions Cup, tra il Benetton Rugby e i Northampton Saints.

«Per la prima volta – afferma Marco Tamaro, direttore della Fondazione Benetton – si mescolerà l’anima “ludica” e insieme culturale della Fondazione con l’attività sportiva del mondo Benetton, e da questa combinazione potremo ricavare stimoli per il nostro lavoro di ricerca sulla generale storia del gioco».

«Ci rende senza dubbio orgogliosi essere parte dell’inizio di questa interessante ricerca volta a scoprire le ragioni della relazione straordinaria venutasi a creare tra rugby e Veneto – ha dichiarato Amerino Zatta, presidente del Benetton Rugby – Un amore nato tantissimi anni fa e che oggi è sempre più saldo».

Programma

Sabato 23 novembre ore 9.30–13

Convegno
Apertura dei lavori a cura di Marco Tamaro, direttore della Fondazione;
Gherardo Ortalli, Istituto Veneto di Lettere Scienze e Arti, Venezia-Fondazione Benetton: Giochi di battaglia e processo di civilizzazione;
Nicola Sbetti, Università di Bologna: Il rugby nel quadro internazionale: tra sport e politica;
Umberto Curi, Università di Padova: Tra forza e violenza: il rugby;
Luciano Ravagnani, giornalista e storico del rugby, e Gianluca Barca, direttore della rivista «Allrugby»: Evoluzione del rugby veneto, italiano e globale;
Andrea Rinaldo, École Polytechnique Fédérale Lausanne: Illusioni cognitive, pensiero veloce e teoria economica nell’ecologia del rugby.
Discussione pubblica e conclusioni, con la consegna agli studiosi Andrea Baldan e Naomi Lebens del Premio Gaetano Cozzi per saggi di storia del gioco 2019, assegnato dalla Fondazione, dalla commissione formata dal comitato scientifico della rivista «Ludica. Annali
di storia e civiltà del gioco».

Sabato 23 novembre ore 17
Incontro pubblico
Dopopartita e apertura del pomeriggio a cura di Andrea Rinaldo.
Partecipano:
Luciano Benetton;
Amerino Zatta, presidente del Benetton Rugby;
Carlo Checchinato, ex rugbista, direttore dell’area commerciale della Federazione Italiana Rugby;
Fabrizio Gaetaniello, ex rugbista e Board Member di EPCR e Pro14;
Marzio Innocenti, ex rugbista, presidente del Comitato Regionale Veneto della Federazione Italiana Rugby;
Antonio Pavanello, ex rugbista, direttore sportivo del Benetton Rugby;
Giorgio Troncon, ex giocatore e allenatore di rugby.
Coordina il giornalista de «La tribuna di Treviso», Andrea Passerini.
Nel corso dell’incontro saranno proiettati brani del documentario di Marco Paolini
Chi ga vinto? Un viaggio nel rugby (regia di Enrico Lando, prodotto da Francesco Bonsembiante e Michela Signori per Jolefilm, in collaborazione con Neonetwork, 2008).

Conclusioni a cura di Gherardo Ortalli.


Gli incontri si svolgeranno nell’auditorium spazi Bomben, Fondazione Benetton Studi Ricerche, via Cornarotta 7, Treviso.
Ingresso libero.
Per maggiori informazioni: Fondazione Benetton > tel. 0422 5121 / e-mail www.fbsr.it






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok