Un albero di Natale fatto da tante mani

La Scuola Polo per il Piccolo Rifugio. Il Piccolo Rifugio per la Scuola Polo.

Anche un albero di Natale può essere il centro di un progetto educativo: un progetto intergenerazionale che mette in dialogo adulti e bambini e sensibilizza i piccoli sul tema della disabilità fino a farli  perfino salire su una carrozzina.

Accade alla scuola d'infanzia Marco Polo di Vittorio Veneto, che, grazie alla disponibilità delle insegnanti, sta portando avanti una collaborazione con il Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto, che da 60 anni è casa e famiglia per uomini e donne con disabilità.

Sono opera degli uomini e delle donne del Piccolo Rifugio, infatti, le decorazioni dell'albero di Natale nel salone d'ingresso della scuola d'infanzia Marco Polo: cuori d'argilla, stelline fatte di stecchini di gelato, e fiori di carta realizzati con impegno e pazienza dalle persone con disabilità e donati ai bambini.

Giovedì 14 dicembre alcuni uomini e donne del Piccolo Rifugio e i bambini della Scuola Polo si sono incontrati per condividere il loro lavoro, inaugurare l'albero e scambiarsi gli auguri.

Per le cinque classi (gialla, arancione, rosa, azzurra e verde) della Scuola Polo l'allestimento dell'albero è stata occasione per una riflessione sulla disabilità, ovviamente realizzata a misura di bambino.
Le maestre hanno mostrato loro alcuni video della vita quotidiana del Piccolo Rifugio e raccontato chi sono gli ospiti della casa, che in più d'un caso conoscono o hanno conosciuto personalmente,
Inoltre, hanno insegnato ai piccoli, con dei giochi appositamente studiati, cosa vuol dire essere ciechi o non avere l'uso delle gambe, due delle tante possibili forme di disabilità. E proveranno anche a far salire qualche bambino su una vera sedia a rotelle, prestata dal Piccolo Rifugio.

È il terzo anno che scuola d'infanzia Polo e Piccolo Rifugio collaborano insieme: negli anni scolastici 2015/16 e 2016/17 la scuola ha ospitato una mostra di creazioni del centro diurno Vettoretti del Piccolo Rifugio, e le offerte ricavate hanno permesso di regalare sia nuovi giochi ai bambini sia materiale per i laboratori delle persone disabili. La collaborazione con il Piccolo Rifugio è citata anche nel "poffino" della scuola Polo, cioè la presentazione delle attività più importanti dell'offerta formativa.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok