QualBuonVeneto

07 Ott 2017


Una ricorrenza davvero sentita al Bon Bozzola di Farra di Soligo

“Nonni in festa” fa incontrare diverse generazioni di una stessa comunità, e l’entusiasmo dilaga.

Per organizzare certi eventi, senza che venga il sospetto che si tratti del mero rispetto di una ricorrenza da calendario, ci vuole una buona dose di sensibilità. L'attitudine non manca certo all'Istituto Bon Bozzola di Farra di Soligo (TV) che, festeggiando anche il suo 25° anno di fondazione, ha organizzato, in occasione della “Festa Nazionale dei Nonni”, lunedì 2 ottobre 2017, la manifestazione “Nonni in festa”, presso il Salone dell'Istituto stesso.

Come ha ricordato il Presidente del Bon Bozzola, Giuseppe Bubola, “Nonni in festa” si era aperto già in mattinata, con un convegno tutto dedicato al benessere, sia fisico che mentale, della terza età. Nel pomeriggio, invece, dopo l'arrivo dei bambini della Scuola d'Infanzia di Soligo, sono intervenute le giovani cantanti dell'Istituto Musicale “Toti del Monte” di Solighetto (TV) e “Giovani accordi” di Refrontolo (TV) che, attraverso le loro belle esecuzioni, dirette dall'insegnante Loredana Zanchetta, hanno coinvolto tutti i presenti. Da sottolineare, l'attento lavoro di scelta dei brani proposti, rispondenti non al puro sfoggio canoro, ma alla volontà di ricreare una particolare atmosfera storica. Gai Valentina ha iniziato con uno dei più grandi successi dei Pooh, "Piccola Katy"; Bianca Padoin ha proseguito con “Applausi" del gruppo Camaleonti e “La Bambola” di Patty Bravo; Lucia Dal Cin, nella sua prima esibizione pubblica, ha eseguito "È l'uomo per me" di Mina; Arianna Lucchetta ha portato I Nomadi con la celebre "Io vagabondo"; "Pensiero" dei Pooh è stata eseguita da Valentyna Ikonova; non poteva mancare Massimo Ranieri con "Rose Rosse" e “Se bruciasse la città”, entrambe interpretate da Alessia Fornasier e "Se telefonando" di Mina, con la voce di Lisa Della Colletta. In finale: Arianna Lucchetta con "Sono bugiarda" di Caterina Caselli. L'impegno e il sorriso che queste ragazze hanno donato, è stato ampiamente ripagato dai molti applausi e dall'entusiasmo dilagato fra gli ospiti dell'Istituto. Il supporto musicale è stato offerto dalla competenza di Dj Matt che, concluse le esibizioni, ha lasciando spazio ai bis e anche a spontanee richieste musicali. Un ringraziamento a Eddi Frezza, Direttore del Bon Bozzola, per la gradita ospitalità. Per la riuscita del pomeriggio è doveroso ricordare tutti gli operatori sanitari presenti che, con garbatezza e vitalità insieme, hanno cercato di coinvolgere, anche i più restii, ai festeggiamenti. Una menzione speciale ai cuochi e al loro lavoro, culminato in un ricco rinfresco di delizie stagionali.

Presso l’Istituto è stato inoltre possibile visionare la mostra dei lavoretti realizzati durante i laboratori di Terapia Occasionale e il mercatino di raccolta fondi per l'attività rianimativa.

Al di là della ricorrenza nazionale, “Nonni in festa” è solo uno dei tanti eventi sociali che l'Istituto promuove, nella consapevolezza che il benessere globale può essere raggiunto non solo con basico servizio sanitario, ma anche attraverso momenti di incontro fra le diverse generazioni di una stessa comunità.

Sofia Facchin






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok