Un’oasi di pace al Ceod di San Vendemiano

Inaugurazione di un sogno, che dà valore aggiunto al territorio

Con il Giardino Multisensoriale, inaugurato sabato 14 maggio, il Centro Diurno “Don Gnocchi” di San Vendemiano (TV) si apre al territorio: sarà un punto di riferimento e d’incontro non solo per i ragazzi disabili ospiti della struttura ma per tutta la comunità. Con i suoi percorsi circolari in pietra, pergole, gazebi, fontane, aiole pensili con piante aromatiche, musica diffusa, l’area è pensata per attività educative e momenti di inclusione all’insegna del relax.

«Tramite i rumori naturali, la musica e i profumi, vogliamo stimolare i cinque sensi, creando un senso di rilassatezza e benessere» afferma la dott.ssa Renata Da Re, presidente Anffas Sinistra Piave Onlus, ricordando che si tratta di un progetto in continuità con esperienze già avviate all’interno della struttura seguendo le indicazioni offerte dal Metodo Snoezelen, ora portate anche all’esterno, in un terreno pubblico, e, in quanto tale, aperto anche alla comunità.

Comunità che ha già risposto in modo encomiabile: istituzioni, associazioni, aziende ma anche privati cittadini hanno contribuito con donazioni spontanee alla realizzazione del progetto. L’ideazione ha visto il coinvolgimento di docenti e studenti dell’Istituto Cerletti di Conegliano (i quali saranno ora coinvolti nelle attività di manutenzione). L’idea è poi rientrata nel Progetto Europeo Erasmus + ed oggi, finalmente, è realtà. «Abbiamo concluso un percorso iniziato anni fa – afferma con commozione Giuliano Cettolin, presidente Anffas San Vendemiano nonché artefice del progetto – è un dono che Anffas mette nelle mani dei nostri figli disabili: un’oasi di pace, fatta di suoni, luci, profumi ed essenze, idonee a stimolare i cinque sensi in maniera controllata» per il rilassamento o l’attivazione di risposte comportamentali tali da entrare in relazione positiva con l’ambiente circostante. «È l’inaugurazione di un sogno – soggiunge Cettolin, ricordando Ennio Cisotto, amico del Ceod, «che abbiamo accompagnato giovedì per l’ultimo viaggio: aspettava da tempo questo momento, non ce l’ha fatta, ma sono sicuro che oggi da lassù ci guarda e sorride».

Sabato mattina, all’inaugurazione, erano presenti, oltre ai già citati Renata Da Re e Giuliano Cettolin per Anffas, anche il sindaco di San Vendemiano Guido Dussin, con il vicesindaco Renzo Zanchetta e alcuni assessori comunali, il sindaco di San Fior Giuseppe Maset, il consigliere regionale e presidente della Quinta Commissione Sanità e Sociale Sonia Brescacin, il direttore generale dell’azienda sanitaria Ulss2 Francesco Benazzi, la professoressa Giulia Fava in rappresentanza dell’istituto Cerletti di Conegliano, e altri rappresentanti per il mondo delle associazioni, tra Oliviero Beni, vicepresidente di Fondazione di Comunità Sinistra Piave Onlus, e Giancarlo Nadai, direttore della Scuola di Musica A. Coletti legata al Ceod da una collaborazione ultradecennale.

Il sindaco di San Vendemiano esprime viva soddisfazione («questi sono i momenti in cui si è fieri di essere sindaci») e s’impegna ad ampliare ulteriormente l’esperienza, per «far sì che tutto il territorio comunale diventi un grande giardino come questo».

Da parte sua, Sonia Brescacin, sottolinea l’originalità e il carattere esemplare della realizzazione, «che non ha eguali qui intorno» ed è «un valore aggiunto nel territorio».

Il direttore dell’Ulss2, Benazzi, ricorda il ruolo che riveste il giardino in tutte le religioni, come “oasi di pace, e conclude: «penso che questo giardino possa essere per la comunità veramente “un eden”, un posto fuori dalla realtà, dove respirare i profumi della terra»

Il tradizionale taglio del nastro è accompagnato dall’atto di benedizione e dalla consegna simbolica delle chiavi del giardino alle coordinatrici del progetto. A seguire, la visita: con piacere ci immergiamo anche noi in quest’area verde, curata nei minimi dettagli, e veramente per tutti!






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok