13 Dic 2019


Non sia turbato il tuo cuore dall'invidia!

Sono le opere che rivelano se tu sei veramente cristiano o no. I farisei e gli scribi dicevano che Gesù era un gaudente e un bestemmiatore, ma Egli risponde: “Ma la sapienza è riconosciuta giusta per le opere che compie". Se l'albero porta frutto buono non puoi dire che l'albero è selvatico. Gli invidiosi non diranno mai che le tue opere sono buone. Se, per esempio, sei generoso verso i poveri per amore del Signore, gli invidiosi andranno in giro dicendo che tu elargisci i tuoi averi per ostentare la tua generosità.
Se nel tuo cuore c'è sincerità in quello che fai, non sia turbato il tuo cuore per le calunnie che si diffondono per distruggere la tua reputazione. Gli invidiosi sono i peggiori calunniatori. Ci sono gli invidiosi che vivono nella tristezza perché i loro beni materiali sono di loro proprietà esclusiva e ci sono invidiosi che sono nella tristezza perché altri mettono a rischio la loro leadership spirituale.
Gli invidiosi sono la rovina dell'unità e dell'amore nell'ambiente in cui vivono e operano. Uno più pensa di essere spirituale più è ricolmo del veleno dell'invidia. Vuoi sapere dove attecchisce di più la pianta velenosa dell'invidia? Vai tra le mura di un convento o di qualche parrocchia. Molti santi sono stati morsi dall'invidia, ma il morso invece di avvelenarli li ha resi più santi perché ogni umiliazione vissuta con umiltà ha come ricompensa una discesa dello Spirito Santo.

Riferimento: Mt 11,16-19






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok