Il Granellino

19 Apr 2019


«Veramente quest'uomo era Figlio di Dio! »

Gesù, il Benefattore, viene condannato a morte come un malfattore.
Gesù, il Santo, viene condannato a morte come il dissacratore di Dio.
Gesù, il Mite, viene condannato a morte come un ladrone.
Gesù, La Verità, viene condannato a morte come un calunniatore.
Chi ha condannato a morte Gesù? Sono stati gli invidiosi. L'invidia è il veleno che scaturisce dal cuore dei figli di satana, il primo invidioso della storia dell'umanità. Cos'è l'invidia? È provare tristezza nel vedere il successo e la gioia dei figli di Dio. L'invidioso non sopporta che l'altro abbia più applausi di lui.
La folla seguiva Gesù con entusiasmo. E molti del clero di allora non sopportavano che Gesù avesse un seguito così numeroso. Così decisero di gettare sterco (calunnia) sulla persona di Gesù.
La folla che seguiva e amava Gesù, fu convinta dal clero di allora che Gesù era un mistificatore. Secondo me, come fanno alcuni politici per essere eletti, diedero danaro alla folla perché alla domanda di Pilato: “Chi volete che io vi liberi?”, gridasse: "Barabba". È vero, dai il danaro all'uomo ed egli è capace di uccidere anche il proprio padre. Mentre muore in croce, Gesù è pace. Ecco perché il centurione, vedendo Gesù morire in pace nonostante i tormenti della Passione, esclama dicendo: "Veramente quest'uomo era Figlio di Dio!”
Come ti stai comportando durante la tua via crucis? Ti stai ribellando? Maledici tutto e tutti? Prega per i tuoi persecutori e perdonali. Se farai questo, la gloria di Dio risplenderà sul tuo volto sfigurato dagli sputi dei tuoi nemici.

Riferimento: Gv 18,1- 19,42










Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok