Immaginare

09 Ago 2019


#Cattonerd, ovvero l’arte di guardare oltre

Durante l’edizione del Lucca Comics & Games 2018, abbiamo incontrato gli amici di “Cattonerd”, che ci hanno raccontato la loro esperienza nell’unire il mondo religioso a quello fantasy, delle serie tv, dei cartoni animati. 
Alcuni responsabili e simpatizzanti del gruppo hanno partecipato alla rassegna del fumetto, oramai numero uno in Italia, proponendo anche un workshop con ospite Paolo Gulisano, esperto del mondo di Tolkien che ha presentato il suo nuovo lavoro scritto con Filippo Rossi, su Star Wars.
Molto interessante il loro approccio religioso, riescono con estrema facilità a vedere, osservare, approfondire elementi religiosi addentrandosi nel mondo dei media, sono attivi in rete attraverso un sito web, Facebook, Twitter ed Instagram e riscontrano un buon numero di contatti.
 
# Cos'è Cattonerd e qual è la sua storia?
Cattonerd è prima di tutto un modo di approcciarsi alla vita. È l’accostarsi alle proprie passioni e alla Fede con curiosità e autoironia. Il sito è stato il risultato naturale dell’incontro di 4 ragazzi romani che si sono conosciuti ad una fiera del fumetto, e sono diventati amici durante le serate al pub che seguivano gli incontri del cammino spirituale dove si erano ritrovati.
“Se ci pensi, anche Goku si è sacrificato per noi”. 
Dalle risate scaturite da questa battuta è nata l’idea di comunicare su una web magazine ciò che siamo: cattolici e nerd. Abbiamo sentito questa necessità tanto più che “internet” sembrava ignorare l’esistenza di persone al tempo stesso nerd e cattoliche, accostamento considerato quasi sempre ossimorico! E così, giorno dopo giorno, abbiamo scoperto di non essere gli unici: altri cattonerd in giro per l’Italia hanno iniziato a seguirci e alcuni di loro si sono uniti alla nostra redazione.
 
# Di cosa parla Cattonerd e a chi è rivolto?
Le rubriche principali di cattonerd sono “TheoLEGOs” dove parliamo di teologia attraverso esempi nerd, ed “Easygesi” dove riportiamo le “tracce di Dio” che troviamo dentro fumetti, giochi, film e quant’altro. Troverete anche recensioni, l’angolo delle domande, interviste... non ci facciamo mancare niente! Ogni argomento è trattato come se stessimo chiacchierando davanti ad una birra, dove i lettori sono i nostri compagni di bevute. Non ci preoccupiamo se sono atei, cristiani o altro. Ci piace pensare - e le persone che ci hanno scritto ce lo continuano a confermare - che se ci si concentra sulle passioni che si hanno in comune, il proprio Credo diventa un arricchimento, non una causa di divisione. Insomma “Dite ‘amici’ ed entrate”.
 
# Perché avete scelto questo nome?
Inizialmente questo termine era utilizzato da alcuni come insulto nei confronti dei cattolici che amano approfondire la propria fede. Così lo abbiamo fatto nostro: nessuno scherno è efficace se sei il primo a riderci su!  Nel nuovo significato che gli abbiamo dato quel “catto” iniziale è, oltre che un onore, un onere che informa il lettore che ciò che scriviamo sul sito è in linea con gli insegnamenti della Chiesa. “Nerd” indica la volontà di approfondire ciò che amiamo, e di sostenere ciò in cui crediamo anche al costo di essere “bullizzati”.
 
# Nell'ultima edizione del "Lucca Comics&Games" avete proposto un workshop con Paolo Gulisano, perché e cosa vi ha colpito del suo intervento?
Non so se l’etichetta “cattonerd” incontri i gusti di Paolo, ma dal nostro punto di vista è sua ad honorem! È una persona di grande cultura, capace di analizzare tematiche care al mondo nerd - in particolare Star Wars- con quella luce che ogni buon cattolico dovrebbe avere in dotazione. L’incontro è stato stimolante, e ci ha dato la possibilità di riflettere su alcuni aspetti della saga di Lucas che speriamo di affrontare presto su cattonerd. Se siete curiosi, il suo intervento è stato registrato e lo potete trovare sul nostro canale YouTube o sul sito web.





ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok