AMARE SE STESSI PER AMARE GLI ALTRI

Erich Fromm, considerato uno dei più grandi psicoanalisti e sociologi del mondo, ha sostenuto che una persona ha bisogno di amare se stessa per poter amare gli altri.
Il tutto parte già dall'infanzia. Se in tenera età si viene abbracciati, coccolati, rassicurati, se si vive quindi in un clima familiare sereno, tutti questi fattori porteranno ad amare se stessi in età adulta. Se questo, invece, non avviene, è più probabile che crescendo la persona non acquisisca consapevolezza di sè, si senta inferiore e mai all'altezza.

Sapersi voler bene è la base di partenza per sviluppare l'amore verso il prossimo. Per vivere bene è fondamentale accettare la propria persona, credere in se stessi e nelle proprie capacità, riconoscere il proprio valore, quel valore che ognuno si porta dentro e che nessuno può modificare.

Questo non significa vantarsene sentendosi superiori, perchè sarebbe solo sintomo di insicurezza e di instabilità interiore, ma scoprire le proprie qualità e cercare di migliorare i propri difetti.

Amare la propria persona porta a saper amare gli altri, i quali si sentiranno apprezzati e di conseguenza sapranno amare a loro volta: un effetto domino che si espande a macchia d'olio.

In questo modo riusciamo ad avere accanto persone uniche e a cui voler bene, che ci facciano sentire come al ritorno da un viaggio importante, da un colloquio o da una visita medica urgente, quando finalmente sappiamo che è tutto okay.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok