La Dimensione Spirituale

07 Apr 2019


L’insegnamento del tarassaco

È Primavera! Dopo il rigido inverno, il sole comincia a scaldare nuovamente la terra e dà inizio al risveglio di colori dei fiori. In questo periodo, appunto, fiorisce un fiore “strano”: il tarassaco, detto anche soffione o dente di leone! È un fiore che sorge ovunque, soprattutto nelle crepe delle strade, nei prati come ai piedi delle aiuole degli alberi e sul bordo dei marciapiedi. Da un certo punto di vista si può dire che sia un fiore “sfortunato” perché non ha molti mezzi, cresce nelle crepe, dove non ha molta terra e quella che c’è spesso non è terra buona, è più che altro polvere. Spunta spesso in posizioni sfavorevoli e con poca luce. L’unica cosa di cui non manca sono i liquidi, perché, crescendo in crepe, angoli e aiuole, spesso i cani gli fanno la pipì in testa... E lui cosa fa? È uno dei primi fiori a spuntare, umile si apre, di un giallo acceso come il sole, umile e dritto, splendente come non mai. È anche una delle piante officinali con più proprietà! Lui splende più che può perché è nato per quello, e si apre totalmente, letteralmente apre la sua corona a 360 gradi per esplodere alla fine, in ogni direzione come un fuoco artificiale. Si dona del tutto, e tutti quei semi si affidano con fiducia al vento e compiranno la loro missione nel posto in cui verranno lasciati e con i mezzi che avranno a disposizione!

Possiamo imparare moltissimo dal tarassaco!

E poi dai, quando vediamo un “soffione” ancora oggi non ci viene forse la tentazione, come da bambini, di soffiarlo in tutte le direzioni il più lontano possibile e non rimaniamo incantati nel vedere i suoi semi volare tutto intorno?!






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok