Una domenica… a sorpresa...

Qualche volta succede con piacere che una giornata che si prospetta abbastanza piatta si manifesti invece piena ed appagante.
Ecco che domenica 20 gennaio, dopo una piacevole e serena mattinata trascorsa in paese alle prese con i festeggiamenti in borgo Lissandri a San Vendemiano in occasione di Sant’Antonio Abate e la benedizione degli animali impartita alla fine della celebrazione eucaristica dal nostro don Mauro, la tradizionale “corsa dei mus” ha intrattenuto gioiosamente la cittadinanza pervenuta ad assistere alla manifestazione.
È così che nel pomeriggio un distensivo giro turistico tra le colline ci ha portato a sostare per una visita all’Abazia di Follina.
Il suono delle campane e il continuo sopraggiungere di persone che entravano in chiesa hanno suscitato la nostra curiosità, che subito abbiamo soddisfatto: alle 16 si celebrava una Santa Messa e alle 17 c’era un concerto del gruppo SIO diretto dal Maestro Roberto Fantinel che con i suoi 80 elementi si esibiva per raccogliere offerte da destinare alla ristrutturazione della chiesa per i cristiani ortodossi di Montaner che è stata distrutta da un incendio. Il nostro programma pomeridiano, andava subendo una volontaria modifica, visto che con piacere ci siamo fermati alla Santa Messa e altrettanto volentieri abbiamo assistito al seguente concerto.
All’avvicinarsi dell’ora stabilita, la chiesa era gremita di persone e quasi tutte hanno potuto trovare posto a sedere grazie alle numerose sedie messe a disposizione.
Da subito il gruppo SIO ha coinvolto tutti i presenti con brani interpretati con professionalità e passione ed erano accompagnati dal narratore che nel susseguirsi dei brani ha raccontato la storia di Sant’Aleksej Romanov, figlio dello Zar Nicola II di Russia, un santo bambino riconosciuto dalla Chiesa ortodossa che ci ha lasciato una grande testimonianza di fede; direi una modalità molto piacevole ed interessante per conoscere e soprattutto ricordare per sempre, la storia, talvolta sconosciuta, dei santi. Non è mancata la presenza e partecipazione del nostro Vescovo Corrado, che, con il suo saluto ai presenti, ha confermato che ogni religione cristiana ha lo stesso obiettivo: Cristo!
Come dice Papa Francesco: la fede non è solo un “credo” fine a se stesso, ma abbiamo il dovere di essere fedeli in azione, quindi spalancare le nostre porte ed “uscire” per agire.
 
[Immagine di copertina: Abbazia di Follina]









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok