Miracoli Eucaristici

16 Set 2020


Miracolo di Lanciano

Nel nostro Paese Italia, da secoli viene riconosciuta, applicata e praticata la Religione Cattolica dalla maggior parte della popolazione, anche se in effetti, come in altri Stati, le persone sono multietniche e di conseguenza più religioni si ritrovano a convivere lo stesso territorio.
L'unica religione che nei secoli ha presentato, creduto e dimostrato l'esistenza di Miracoli di varia e inspiegabile natura, è la religione cattolica che detiene anche un numero significativo di Miracoli Eucaristici riconosciuti dalla Chiesa ma anche dalla Scienza che non ha spiegazioni in merito.

Carlo Acutis – giovane quindicenne nato al cielo in concetto di santità nel 2006, che verrà beatificato il prossimo 10 ottobre ad Assisi – ha istituito una mostra eucaristica itinerante, affinché molti possano conoscere i segni che da secoli e nei secoli fortificano la Fede.

Nei prossimi mesi la mostra arriverà anche nella diocesi di Vittorio Veneto: il percorso espositivo si snoderà tra le parrocchie delle varie foranie. In attesa di conoscere da vicino i Miracoli Eucaristici e di lasciarci sorprendere... in questa rubrica, ogni settimana, il venerdì, ve ne presenteremo alcuni. Cominciamo subito con il Miracolo di Lanciano.

---

Un’iscrizione marmorea del XVII secolo, descrive questo Miracolo Eucaristico avvenuto a Lanciano nel 750, presso la chiesa di San Francesco. «Un monaco sacerdote dubitò se nell’Ostia consacrata ci fosse veramente il Corpo di Nostro Signore. Celebrò Messa e, dette le parole della consacrazione, vide divenire Carne l’Ostia e Sangue il Vino. Fu mostrata ogni cosa agli astanti. La Carne è ancora intera e il Sangue diviso in cinque parti disuguali che tanto pesano tutte unite quanto ciascuna separata».

Nel 1970, l’Arcivescovo di Lanciano e il ministro provinciale dei Conventuali di Abruzzo, con l’autorizzazione di Roma, richiesero al Dottor Edoardo Linoli, dirigente dell’ospedale d’Arezzo e professore di anatomia, istologia, chimica e microscopia clinica, un approfondito esame scientifico sulle Reliquie del Prodigio avvenuto dodici secoli prima. II 4 marzo 1971, il professore presentò un resoconto dettagliato dei vari studi eseguiti. Ecco le conclusioni essenziali:
  1. La «Carne miracolosa» è veramente carne costituita dal tessuto muscolare striato del miocardio.
  2. II «Sangue miracoloso» è vero sangue: l’analisi cromatografica lo dimostra con certezza assoluta e indiscutibile.
  3. Lo studio immunologico manifesta che la Carne e il Sangue sono certamente di natura umana e la prova immunoematologica permette di affermare con tutta oggettività e certezza che ambedue appartengono allo stesso gruppo sanguigno AB, gruppo uguale a quello dell’uomo della Sindone e caratteristico delle popolazioni mediorientali.
  4. Le proteine contenute nel Sangue sono normalmente ripartite, nella percentuale identica a quella dello schema siero-proteico del sangue fresco normale.
  5. Nessuna sezione istologica ha rivelato traccia di infiltrazioni di sali o di sostanze conservanti utilizzate nell’antichità allo scopo di mummificazione.

Questa relazione fu pubblicata in Quaderni Sclavo in Diagnostica (fasc. 3, 1971) e suscitò un grande interesse nel mondo scientifico. Anche nel 1973, il Consiglio superiore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nominò una commissione scientifica per verificare le conclusioni di Linoli. I lavori durarono 15 mesi con 500 esami. Le ricerche furono le medesime di quelle effettuate dal prof. Linoli, con altri complementi. Più precisamente, fu affermato che i frammenti prelevati a Lanciano non potevano essere assimilati a tessuti mummificati. In quanto alla natura del frammento di Carne, la commissione dichiarò che si tratta di un tessuto vivente perché risponde rapidamente a tutte le reazioni cliniche proprie degli esseri viventi. La Carne e il Sangue di Lanciano quindi sono tali e quali sarebbero se fossero stati prelevati il giorno stesso su un vivente. Nell’estratto riassunto dei lavori scientifici della Commissione Medica dell’O.M.S. e dell’O.N.U., pubblicato nel dicembre del 1976 a New York e a Ginevra, si dichiarò che la scienza, consapevole dei suoi limiti, si arresta davanti alla impossibilità di dare una spiegazione.

Fonte: www.miracolieucaristici.org

Per leggere gli altri miracoli nella nostra rubrica clicca qui.

Di seguito, un video-approfondimento a cura di Mirko Agerde sul significato dell'Eucaristia:













Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok