Miracolo di Volterra

Nel 1472, durante la guerra scoppiata tra Volterra e Firenze, un soldato fiorentino, entrato nella Cattedrale di Volterra, riuscì ad impossessarsi della preziosa pisside di avorio contenente numerose Ostie consacrate. Appena uscito dalla chiesa, preso da un accesso d’ira nei confronti di Gesù sacramentato, gettò la pisside con il suo prezioso contenuto contro una parete della chiesa. Da questa fuoriuscirono tutte le Particole che illuminate da una luce misteriosa, si innalzarono miracolosamente nel vuoto e vi rimasero parecchio tempo sospese. Numerosi furono i testimoni che assistettero all’evento.

Tra  le  principali  cause  che  scatenarono l’inutile  guerra  delle  Allumiere,  terminata con il sacco di Volterra nel 1472, ad opera delle  milizie  del  duca  di  Montefeltro,  c’erano soprattutto  i  contrasti  scoppiati  tra  le  diverse classi sociali e gli interessi personali di Lorenzo de  Medici.  Assorbita  nello  stato  fiorentino, Volterra fu sottoposta ad un duro trattamento che  provocò  l’emigrazione  di  molte  famiglie facoltose e la conseguente alienazione dei beni a prezzo di fallimento. 

Fu in questo scenario storico che nel 1472  si  verificò  il  nostro  Miracolo  Eucaristico. Tra  le  testimonianze  più  autorevoli  che  descrivono il Prodigio, abbiamo la relazione scritta del Frate  Biagio  Lisci,  che  ne  fu  diretto  testimone, oggi conservata presso gli archivi della chiesa di San Francesco e alcuni atti comunali custoditi presso la biblioteca municipale di Volterra. Un soldato fiorentino entrò nella chiesa Cattedrale e  si  recò  subito  verso  il  tabernacolo  da  cui prelevò la pisside con dentro le Ostie consacrate oltre  a  numerosi  oggetti  sacri.  Appena  fu  uscito dalla chiesa, colto da un odio fortissimo verso  Gesù  Eucaristia,  scaraventò  la  pisside contro una delle pareti esterne della chiesa e da questa  fuoriuscirono  tutte  le  Ostie  che  come sorrette da una mano invisibile, si innalzarono nel  vuoto  tutte  raggianti  di  luce.  Il  soldato cadde a terra dallo spavento e pentito cominciò a piangere. Numerosi furono i testimoni che assistettero al Prodigio.

 

Fonte: www.miracolieucaristici.org

Per leggere gli altri miracoli nella nostra rubrica clicca qui.

Di seguito, video-approfondimento a cura di Mirko Agerde sul significato dell'Eucaristia:














Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok