Miracoli Eucaristici

02 Apr 2021


Parigi e la Rue du Dieu bouilli

Durante la Pasqua del 1290 un non credente, che aveva in odio la Fede Cattolica e non credeva alla presenza reale di Cristo nell’Eucaristia, riuscì a procurarsi un’Ostia consacrata per profanala. Quel che accadde lasciò il profanatore senza parole, ed è documentato.
Esistono numerosi documenti che testimoniano tutti gli avvenimenti di questo Miracolo, anche lo storico italiano Giovanni Villani nella sua celebre “Storia di Firenze”, nel VII libro, al capitolo 136 riporta brevemente tutti gli aspetti principali del Miracolo. Un’indagine molto approfondita su tutte le fonti è stata fatta dalla Sig.ra Moreau-Rendu, nella sua opera intitolata “A Parigi, via dei Giardini” edita nel 1954 con prefazione di Mons. Touzé, che fu Vescovo ausiliare di Parigi. L’autrice, dopo una minuziosa indagine sui documenti, sottoposti a un rigoroso esame, si pronunciò con sicurezza a favore dell’autenticità dei fatti. Ma la narrazione più conosciuta è la “Storia della Chiesa di Parigi” scritta dall’Arcivescovo francese, Mons. Rupp, che parla del Miracolo Eucaristico di Parigi nelle pagine dedicate all’Episcopato di Simon Matifas de Busay che tenne la sede di Saint Denis dal 1290 al 1304: «La domenica di Pasqua, 2 aprile 1290, un uomo chiamato Jonathas, che aveva in odio la Fede Cattolica e non credeva nella reale presenza di Cristo nell’Ostia consacrata, riuscì a procurarsi dietro compenso una Particola consacrata. Venuto in possesso
dell’Ostia, l’uomo la colpì con un coltello e da questa cominciò a fuoriuscire Sangue che inondò il contenitore nel quale era stata posta. In preda al panico decise di gettarla nel fuoco ma questa si innalzò al di sopra del braciere. Disperato allora la gettò nell’acqua bollente e questa, improvvisamente, si librò in aria, prendendo l’aspetto di un crocifisso. Infine, da sola, si depose nella scodella di una parrocchiana di Saint-Jean-en-Grève che la portò dal suo curato. Per diversi secoli, essa rimase in un piccolo reliquiario nella chiesa di Saint-Jean. Durante la Rivoluzione (francese, ndr) se ne persero però le tracce».
Altri fatti sono ugualmente significativi: la confisca della casa di Jonathas, chiamata “La Casa dei Miracoli”, da parte del re Filippo il Bello che è registrata in un atto di vendita del 1291; la trasformazione della casa in oratorio dopo una Bolla che era stata ottenuta da Bonifacio VIII; la denominazione di “Rue du Dieu bouilli” (via del Dio bollito) data dal popolo di Parigi alla strada dei “Jardins”; la celebrazione eucaristica nella cappella des Billettes dell’Ufficio della Riparazione tutte le seconde domeniche d’Avvento e della Quaresima.
 

Fonte: www.miracolieucaristici.org

Per leggere gli altri miracoli nella nostra rubrica clicca qui.

Di seguito, video-approfondimento a cura di Mirko Agerde sul significato dell'Eucaristia:














Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok