Parola del giorno

31 Mar 2020


Come porto io la croce

(Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa clicca qui)

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 8,21-30

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire». Dicevano allora i Giudei: «Vuole forse uccidersi, dal momento che dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?». E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati». Gli dissero allora: «Tu, chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che io vi dico. Molte cose ho da dire di voi, e da giudicare; ma colui che mi ha mandato è veritiero, e le cose che ho udito da lui, le dico al mondo». Non capirono che egli parlava loro del Padre. Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora conoscerete che Io Sono e che non faccio nulla da me stesso, ma parlo come il Padre mi ha insegnato. Colui che mi ha mandato è con me: non mi ha lasciato solo, perché faccio sempre le cose che gli sono gradite». A queste sue parole, molti credettero in lui.

Parole del Santo Padre

Oggi la Chiesa ci propone un dialogo con questo mistero della croce, con questo Dio che si è fatto peccato, per amore a me. E ognuno di noi può dire: “Per amore a me”. E possiamo pensare: come porto io la croce? Come un ricordo? Quando faccio il segno della croce sono consapevole di quello che faccio? Come porto io la croce? Soltanto come un simbolo di appartenenza a un gruppo religioso? Come porto io la croce? Come ornamento? Come un gioiello, con tante pietre preziose, d’oro…? Ho imparato a portarla sulle spalle, dove fa male? (S. Marta 4 aprile 2017)

Commento di don Luigi Maria Epicoco

«Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che io sono, morirete nei vostri peccati». Morire nei propri peccati è un’immagine chiara che spiega il concetto di rimanere impantanati, bloccati nelle cose che si vivono. Il peccato è ciò che blocca la vita, e molto spesso proprio in questa esperienza di blocco la vita comincia ad assomigliare a un pantano d’acqua che non trovando acqua di ricambio comincia a diventare marcia. L’infelicità è vita andata a male. Ciò accade quando viviamo solo in un’unica dimensione che è quella di questo mondo. Gesù è venuto a darci non solo altezza e larghezza alla vita ma soprattutto profondità. La vita in Cristo è ciò che dà spessore, profondità alla vita. quando manchiamo di questa terza dimensione tutto risulta piatto e proprio perché è così non riesce più a farci sentire vivi. Siamo appunto morti in ciò che ci mortifica. Come si fa ad uscire da questo pantano? Cos’è che ci salva? È la Croce di Cristo: «Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora saprete che Io Sono e non faccio nulla da me stesso, ma come mi ha insegnato il Padre, così io parlo”. Nelle sibilline parole di Gesù ci sono due cose che non possiamo trascurare: da una parte l’esperienza dell’innalzamento coincide con la sua morte in croce, cioè con l’esperienza di dare la vita per ciascuno di noi. Soltanto quando ci lasciamo raggiungere dal mistero di questo amore allora la nostra vita riprende a scorrere, esattamente come capita a una persona che vive una cosa difficile ma se si sente amata riesce ad andare avanti. La seconda caratteristica è nell’esorcismo della solitudine, vera causa della nostra infelicità. Gesù dice: “Colui che mi ha mandato è con me e non mi ha lasciato solo”. Quando ci si sente soli invece tutto diventa insormontabile. Gesù è venuto a distruggere la nostra radicale solitudine. Noi non siamo veramente soli mai. Questa è la vita eterna.






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok