Parola del giorno

08 Apr 2020


Convinzione o convenienza?

(Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa clicca qui)

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 26,14-25

In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d'argento. Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnare Gesù.
Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città, da un tale, e ditegli "Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli"». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell'uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell'uomo dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito! Meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l'hai detto».

Parole del Santo Padre

Giuda aveva ricevuto la grande grazia di far parte del gruppo degli intimi di Gesù e di partecipare al suo stesso ministero, ma ad un certo punto ha preteso di “salvare” da sé la propria vita con il risultato di perderla. Ha smesso di appartenere col cuore a Gesù e si è posto al di fuori della comunione con Lui e con i suoi. Ha smesso di essere discepolo e si è posto al di sopra del Maestro. (Udienza Generale 12 giugno 2019)

Commento di don Luigi Maria Epicoco

“Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti e disse: «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d'argento. Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnarlo”. L’anticamera del tradimento è sempre la quantificazione dell’amore. Quando si comincia a misurare l’amore ciò è segno che qualcosa è finito. Forse capita anche noi di fare questo tipo di esperienza. Cominciamo, ad esempio, a quantificare quello che abbiamo fatto o meno per una persona, misuriamo le cose, il tempo, cominciamo a dire “ma io ti ho fatto questo e tu non mi hai fatto quest’altro”. Se amare significa scambiare quantitativamente dei beni, allora questo non è l’amore di Cristo. Se l’amore lo si può misurare prima o poi lo si vende per qualche altra cosa che ci sembra un affare. Se misuro il tempo della preghiera, il tempo che passo con i miei figli, il tempo che dedico a chi amo, allora appena potrò trovare qualcosa che mi prende meno tempo e mi toglie meno energie certamente lo sceglierò. Ma non sto cercando più l’amore ma la convenienza. A volte l’amore non conviene ma è sempre meglio. Giuda non trova più convenienza in Gesù per questo lo lascia. Dovremmo domandarci alle soglie del triduo santo se amiamo per convenienza o per convinzione. “«Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. Il Figlio dell'uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l'hai detto»”. Vivere e amare per convenienza ci fa vivere una vita da inferno, perché all’inferno ci si ritrova sempre per ragionamento e calcolo, ma l’amore è una sovrabbondanza che eccede i ragionamenti e i meri calcoli. Sarebbe brutto svegliarsi una mattina e dirsi “meglio non essere mai nati”.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok