Parola del giorno

27 Feb 2020


Far rifiorire le zolle indurite del cuore

(Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa clicca qui)

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 9,22-25

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell'uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».
Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?».

Parole del Santo Padre

Qui c’è una sintesi del messaggio di Cristo, ed è espressa con un paradosso molto efficace, che ci fa conoscere il suo modo di parlare, quasi ci fa sentire la sua voce… Ma che cosa significa “perdere la vita per causa di Gesù”? Questo può avvenire in due modi: esplicitamente confessando la fede o implicitamente difendendo la verità. I martiri sono l’esempio massimo del perdere la vita per Cristo. In duemila anni sono una schiera immensa gli uomini e le donne che hanno sacrificato la vita per rimanere fedeli a Gesù Cristo e al suo Vangelo. E oggi, in tante parti del mondo, ci sono tanti, tanti, - più che nei primi secoli – tanti martiri, che danno la propria vita per Cristo, che sono portati alla morte per non rinnegare Gesù Cristo. (Angelus, 23 giugno 2013)

Commento di padre Osorio

“...se qualcuno vuole venire dietro a me rinneghi se stesso”. Non significa: rassegnatevi al dolore perché così va il mondo, o perché tutti portano una qualche croce. Per Gesù la croce è scelta, non caso o sfortuna; è la prova che Dio è amore. Dice pure a me: “prenditi” una croce, e sostieni il mondo: prendi di tua volontà, non subire come il Cireneo. Per capire che cosa intenda  Gesù, va sostituita la parola “croce” con la parola “amore”. Se qualcuno vuol camminare dietro a Gesù, metta tutto l’amore di cui è capace. Vale poco un amore che non costa. Che amicizia è quella che non domanda un po’ di fatica? Devi dimenticare te stesso quando dici che ami... Ecco la carta d’identità di Gesù: “il Figlio dell'uomo deve soffrire molto, venire ucciso e poi risorgere”. Gesù di Nazaret è un Dio crocifisso per amore. Amore perdente e per questo vincente. Pasqua sarà la prova che Dio regala vita a chi dona amore. Non è un invito a patire di più, ma a far fiorire le zolle indurite del cuore.






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok