Parola del giorno

05 Giu 2020


La via a Dio è l'umano

Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa nel sito Vatican News clicca qui.

 

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 12,35-37

In quel tempo, insegnando nel tempio, Gesù diceva: «Come mai gli scribi dicono che il Cristo è figlio di Davide? Disse infatti Davide stesso, mosso dallo Spirito Santo:
"Disse il Signore al mio Signore:
Siedi alla mia destra,
finché io ponga i tuoi nemici
sotto i tuoi piedi".
Davide stesso lo chiama Signore: da dove risulta che è suo figlio?».
E la folla numerosa lo ascoltava volentieri.

Parole del Santo Padre

La persecuzione è un po’ “l’aria” della quale vive il cristiano anche oggi, perché anche oggi ci sono tanti, tanti martiri, tanti perseguitati per amore a Cristo. In tanti Paesi i cristiani non hanno diritti. Se tu porti una croce, vai in galera e c’è gente in galera; c’è gente condannata a morire per essere cristiani, oggi. C’è stata gente uccisa e il numero più, è più alto dei martiri dei primi tempi. Di più! Ma, questo non fa notizia. E per questo i telegiornali, i giornali non pubblicano queste cose. Ma i cristiani sono perseguitati. (Santa Marta, 1 giugno 2018)

Commento di don Luigi Maria Epicoco

La domanda che Gesù pone nel Vangelo di oggi è lo zenit di un grande discorso che Gesù sta facendo per portare man mano chi lo ascolta a scoprire la sua vera identità. Egli è figlio di Davide secondo la carne e figlio di Dio secondo lo Spirito. Attraverso Giuseppe si porta addosso il cognome della famiglia di Davide, ma Egli è in realtà il figlio di Dio. Per questo domanda: «Come mai dicono gli scribi che il Messia è figlio di Davide? Davide stesso infatti ha detto, mosso dallo Spirito Santo: Disse il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici come sgabello ai tuoi piedi. Davide stesso lo chiama Signore: come dunque può essere suo figlio?». Qui si incontra la vera natura di Gesù che è contemporaneamente vero Dio e vero uomo. Ciò sta a significare che per prendere sul serio Dio noi dobbiamo prendere sul serio Gesù. Cioè per prendere sul serio la divinità di Cristo, dobbiamo prendere sul serio la sua umanità. In questo modo la logica dell’incarnazione ci insegna che la via a Dio è l’umano. Per trovare Dio dobbiamo scendere quanto più possibile nell’umano della nostra vita, della nostra storia, di chi ci sta accanto. Gesù è Colui che ha attraversato l’umanità riempendola di un significato nuovo. Per questo Dio non si contrappone più all’umano, il trascendente non si contrappone più all’immanente, il cielo non è più in conflitto con la terra. In Gesù Dio lo si incontra nell’umano, il trascendete nel fondo dell’immanente, e il cielo scavando in fondo alla terra. Questa riconciliazione ha guarito una volta per tutte la divisione, il conflitto che molto spesso abita il cuore dell’uomo. Una certa visione dualista ci fa dividere sempre la realtà della nostra vita disprezzandone una metà a discapito dell’altra. Gesù venendo al mondo ha tolto di mezzo l’inimicizia che c’era tra la nostra vocazione ad essere umani e la vocazione ad essere chiamati a diventare figli di Dio. Gesù ci ha salvati nella carne, non dalla carne. Per questo risorge con un corpo e non solo con l’anima.






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok