Parola del giorno

18 Apr 2020


Portatori di Gioia

- Pasqua è ricordarsi che possiamo disobbedire alla durezza di cuore e lasciare che il Signore ci stupisca -

(Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa clicca qui)

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 16,9-15

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch'essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».

Parole del Santo Padre

Cari fratelli e sorelle, quante volte anche noi sentiamo l’esigenza di un cambiamento che coinvolga tutta la nostra persona! Quante volte ci diciamo: “Devo cambiare, non posso continuare così… La mia vita, per questa strada, non darà frutto, sarà una vita inutile e io non sarò felice”. Quante volte vengono questi pensieri, quante volte!... E Gesù, accanto a noi, con la mano tesa ci dice: “Vieni, vieni da me. Il lavoro lo faccio io: io ti cambierò il cuore, io ti cambierò la vita, io ti farò felice”. Ma noi, crediamo in questo o no? È Lui, con lo Spirito Santo, che semina in noi questa inquietudine per cambiare vita ed essere un po’ migliori. Seguiamo dunque questo invito del Signore e non poniamo resistenze, perché solo se ci apriamo alla sua misericordia, noi troviamo la vera vita e la vera gioia. (Udienza Giubilare - Sabato, 18 giugno 2016)

Commento di don Luigi Maria Epicoco

“Alla fine apparve agli undici, mentre stavano a mensa, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato.
Gesù disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura”. C’è una durezza di cuore che fa da impedimento all’esperienza della fede. Io ne faccio esperienza ogni giorno innanzitutto con me stesso, ma anche con le persone che ascolto. La durezza non è sempre frutto di superficialità o magari di malizia, ma a volte si è duri di cuore perché la vita ci ha spinto ad indurirci. Chi ha avuto un’infanzia difficile magari sviluppa una diffidenza così grande nei confronti degli altri che quando l’altro è Cristo non riesce comunque ad abbassare le difese. Ciò che di faticoso ci portiamo a livello orizzontale nelle nostre relazioni, ce lo portiamo anche nella nostra vita spirituale. Ma la rivoluzione sta nel ricordarsi che noi non siamo privi di scelta anche quando ci sembra di non avere altra scelta. La durezza di cuore può essere il modo con cui abbiamo vissuto per molti anni ma non siamo condannato a vivere per sempre così. Pasqua è ricordarsi che possiamo disobbedire alla durezza di cuore e lasciare che il Signore ci stupisca. Pasqua è fidarsi anche dell’esperienza degli altri, di quelli che il vangelo chiama testimoni e che altro non sono che persone che ci sono passate prima di noi. Infine Pasqua è comprendere che chi ha incontrato qualcosa di così grande non può non annunciarlo agli altri. In questo senso la vita cristiana non è mai vita ripiegata su se stessa, ma è sempre vita missionaria, vita aperta agli altri, vita che genera la vita. Chi ha incontrato Cristo Risorto lo si riconosce dal fatto che è sempre un principio di Pasqua in tutto ciò che fa. Il lavoro, la famiglia, lo studio, le situazioni relazionali sono i grandi confini del mondo che noi siamo chiamati a evangelizzare. Ma evangelizzare non è persuadere, convincere, evangelizzare è mostrare un fatto davanti a cui l’altro non può non prendere posizione.

 






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok