Parola del giorno

21 Apr 2020


Quindi come si fa?

- Se si continua ragionare in maniera vecchia non troveremo mai vie d’uscita nuove -

(Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa clicca qui)

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 3,7-15

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall'alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».
Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro di Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell'uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna».
 
Parole del Santo Padre
 
Il desiderio di rinascere, la gioia di ricominciare. Noi abbiamo questo desiderio? Ognuno di noi ha voglia di rinascere sempre per incontrare il Signore? Avete questo desiderio voi? Infatti si può perderlo facilmente perché, a causa di tante attività, di tanti progetti da mettere in atto, alla fine ci rimane poco tempo e perdiamo di vista quello che è fondamentale: la nostra vita del cuore, la nostra vita spirituale, la nostra vita che è incontro con il Signore nella preghiera. (Udienza generale, 15 novembre 2017)

Commento di don Luigi Maria Epicoco
 
«Come può accadere questo?». Ancora le domande di Nicodemo ci fanno compagnia nel vangelo di oggi. E in particolar modo questa domanda pratica è la domanda più caratterizzante in un dialogo profondo con qualcuno che ci guida. Infatti mentre ci confrontiamo con una persona che stimiamo raccontandogli magari alcune cose della nostra vita, davanti all’analisi di ciò che siamo o che è accaduto, quello che più domandiamo è: “quindi come si fa? Cosa dovrei fare?”. La domanda pratica è una domanda decisiva, ma se una guida o una persona che ci vuole bene ci togliesse dalla fatica di rispondere personalmente a una simile domanda, allora non sarebbe una buona guida o una persona che ci vuole davvero bene. Il fare implica sempre la messa in gioco della nostra libertà. “Tu sei maestro in Israele e non sai queste cose? In verità, in verità ti dico, noi parliamo di quel che sappiamo e testimoniamo quel che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorché il Figlio dell'uomo che è disceso dal cielo. Siamo noi che dobbiamo pian piano uscire dalla confusione ed elaborare tentativi di scelte e decisioni. Se ci limitiamo solo ad eseguire indicazioni di altri allora questo non ci fa mai veramente crescere”. Ciò che molto spesso non ci fa capire cosa bisogna fare è la resistenza che facciamo nel cambiare mentalità. Noi ragioniamo in un modo ma Cristo è venuto a insegnarci un modo nuovo di ragionare. La sua domanda di conversione consiste proprio nel convertire la nostra mentalità. Se si continua ragionare in maniera vecchia non troveremo mai vie d’uscita nuove. Ma la grande esperienza di conversione passa attraverso l’esperienza della Croce. Ci si converte quando ci si lascia cambiare prospettiva da tale esperienza. Ma non basta la sola esperienza, serve comprendere che essa ci converte quando si decide di viverla e portarla con Gesù. Senza di Lui siamo solo schiacciati dalle circostanze.





ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok