Parola del giorno

16 Apr 2020


Terapia della Speranza

- Le ferite sono il luogo privilegiato in cui possiamo imparare la Pasqua -

(Per ascoltare il podcast con la lettura del Vangelo e le parole del Papa clicca qui)

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 24,35-48

In quel tempo, [i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus] narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane.
Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi.
Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.
Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».
 
Parole del Santo Padre
 
L’incontro di Gesù con quei due discepoli sembra essere del tutto fortuito: assomiglia a uno dei tanti incroci che capitano nella vita. Ciò che succede su questa strada è una terapia della speranza. Chi la fa? Gesù. Anzitutto domanda e ascolta: il nostro Dio non è un Dio invadente. Anche se conosce già il motivo della delusione di quei due, lascia a loro il tempo per poter scandagliare in profondità l’amarezza che li ha avvinti. Quante tristezze, quante sconfitte, quanti fallimenti ci sono nella vita di ogni persona! Quante volte nella vita abbiamo sperato, quante volte ci siamo sentiti a un passo dalla felicità, e poi ci siamo ritrovati a terra delusi. Ma Gesù cammina con tutte le persone sfiduciate che procedono a testa bassa. E camminando con loro, in maniera discreta, riesce a ridare speranza. (UDIENZA GENERALE  - mercoledì, 24 maggio 2017)
 
Commento di don Luigi Maria Epicoco
 
La vera carta d’identità di una persona, è ciò che più l’ha segnato. Noi siamo sempre riconoscibili per ciò che abbiamo patito, vissuto, affrontato. La vita non passa mai lasciandoci indenni. La vita passa e lascia il segno, sempre. Molto spesso odiamo quei segni perché ci ricordano quello che ci ha fatto soffrire, ma una persona è veramente pacificata quando accoglie anche questi segni come parte integrante e preziosa della sua vita. Sarà questo il motivo per cui Gesù per farsi riconoscere dai suoi discepoli mostra loro le sue mani, i suoi piedi, il suo costato, le sue ferite: “Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho»”. Dovremmo domandarci oggi come possiamo toccare e fare esperienza delle ferite di Cristo per poterlo anche riconoscere come Risorto e non come fantasma, cioè come una figura sbiadita frutto solo di un ricordo educativo d’infanzia senza nessuna incidenza del qui ed ora della vita. Le nostre ferite, i nostri buchi, i segni della passione della nostra vita, ma anche i segni e le ferite dei fratelli e delle sorelle che abbiamo accanto, sono il luogo privilegiato in cui possiamo imparare la Pasqua. In questo senso la Pasqua è possibile solo se fai pace con ciò che nella vita si ritiene essere solo un errore, un’ingiustizia, una cosa brutta. La gente non vuole entrare nelle case di riposo perché non vuole fare i conti con la vecchiaia. Non vuole entrare nei reparti di ospedale perché non vuole fare i conti con la malattia. Non vuole andare a trovare gente in carcere perché non vuole affrontare la propria miseria. Tiene lontano e scarta i fratelli diversamente abili perché non ha fatto pace con la propria diversità. Se tornassimo a frequentare le piaghe di Cristo e a farci pace, ci accorgeremmo che è Pasqua.





ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok