Riflessioni

18 Ott 2017


Non perdere l'importante per l'urgente!

Riflessione dal Vangelo di Matteo 22,1-14

Tutto comincia con un invito. Non un obbligo o un dovere, ma un invito, che dichiara la tua libertà immensa e drammatica. Drammatica per te, ma anche per Dio. L’uomo è il rischio di Dio: il Dio dalla sala vuota, dalle chiese vuote e tristi, il Dio del pane e del vino che nessuno vuole, nessuno cerca, nessuno gusta; è un Dio debole di fronte al cuore dell’uomo. Eppure invita: non alla fatica della vigna, ma a nozze, ad un’esperienza di pienezza, al piacere di vivere. Questo testimonia il Vangelo: il suo dono e il suo segreto sono una vita bella; e Dio non è più un dovere ma un desiderio.

Ma se ne andarono, chi al proprio campo, chi ai propri affari! Gli invitati vivono per le cose, non hanno tempo neppure per la gioia. Vivono all’esterno di se stessi. Ma il re non si scoraggia, ha sempre nuove idee per realizzare il suo sogno, e si fa allietatore di crocicchi e di strade, di buoni e di cattivi. Non ha bisogno di gente che lo serva, ma di chi lo lasci essere servitore della vita.

Dopo la parte di Dio, viene però la nostra parte. La parabola inizia con una reggia senza canti, con una sala vuota, e termina con un dramma: gettatelo fuori! È possibile fallire la vita! Ad ognuno di noi è posta una condizione: il vestito di nozze. L’uomo senza veste nuziale non è peggiore degli altri; semplicemente, egli non ha creduto alla festa, non ha portato il suo contributo di bellezza alla liturgia delle nozze. Non riteneva possibile che il re invitasse a palazzo straccioni e poveracci, che si trattasse davvero del banchetto di nozze del figlio del re. Un re non fa così, pensava; un re pretende, prende e non dona. Si è sbagliato su Dio. Sbagliarsi su Dio è un dramma, è la cosa peggiore che possa capitarci, perché poi ci sbagliamo sul mondo, sulla storia, sull’uomo e su noi stessi. Sbagliamo la vita (David Maria Turoldo). L’abito da indossare per non fallire la vita è Gesù Cristo (Ef 4,24). Nel battesimo ho ricevuto, con la veste bianca, il compito di passare la vita a rivestirmi di Cristo: ad avere i suoi sentimenti, a essere eco delle sue parole, a preferire coloro che lui preferiva, a seminare i suoi gesti nel mondo; a respirarlo. Respirare sempre Cristo, è il compito ultimo che l’abate Antonio morente affida ai monaci. È l’esperienza di Paolo: in Lui esistiamo, ci muoviamo e respiriamo (Atti 17,28). Allora porteremo il nostro contributo dovunque la vita celebri la sua festa.  Indossare un abito nuovo, dopo aver deposto quello vecchio (Ef 4,24). Ci ha voluti pronti a giocarci l’intera posta, lui compreso. Rifiutiamo l’invito perché contiene un’esigenza eccessiva: che le cose di Dio c’importino più delle nostre, più del lavoro, del tempo, del denaro. Eppure le cose di Dio non sono altro che le nostre proprie sorgenti.

Ancora dentro questo nostro tempo dolente e splendido, Dio ripropone i suoi inviti, a dirci che l’eternità non è altrove, in un altro orologio, ma che questo tempo è già un frammento di eterno colmo di inviti, già ora con Dio la vita celebra la sua festa se appena abbiamo un cuore che accoglie e che sa condividere. L’invito alla convivialità è anche invito a passare dall’economia delle cose all’economia delle persone, a prenderci del tempo per l’incontro, per gli amici, per Dio, per la vita interiore.

P. Ermes Ronchi

In quel tempo, 1Gesù riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: 2«Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. 3Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. 4Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. 5Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; 6altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. 7Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. 8Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; 9andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. 10Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. 11Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. 12Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. 13Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. 14Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok