Vite esemplari

24 Gen 2020


Francesco di Sales, patrono dei giornalisti

Spesso le vite dei figli vanno nella direzione opposta a quella che si attendono i padri. Così è stato anche per François (Francesco) di Sales (il castello, in Savoia, dov’era nato il 21 agosto 1567). Il padre vede davanti a lui – fin da piccolo dotato d’intelligenza e carattere non comuni – una brillante carriera nel mondo, destinata a rinverdire le fortune e a dare nuovo lustro alla nobile famiglia dei Boisy. Per questo Francesco viene educato nei migliori collegi di Francia (La Roche, Annecy, Parigi); riceve una solida istruzione nelle discipline umanistiche; affronta gli studi di Diritto all’Università di Padova, celebre in tutta Europa, oltreché per la Medicina, anche per le materie giuridiche. Nella città veneta soggiorna tre anni (1588-1591), dedicandosi con profitto allo studio, ma coltivando anche la vocazione religiosa che da tempo era sbocciata in lui e progrediva sotto la guida del gesuita Antonio Possevino. Dopo aver conseguito la laurea in Diritto (1591), Francesco ritorna a casa. Qui lo attende un lungo combattimento interiore: da un lato, le ambizioni del padre (che lo vorrebbe avvocato e senatore, e che sceglie per lui anche la giovanissima nobildonna che dovrebbe sposarlo); dall’altro, la sua unica vera aspirazione: quella di “essere della Chiesa” e di servirla per conquistare le anime a Dio. Riesce a resistere a ogni pressione e vince ogni lusinga pur di dare alla sua vita la svolta attesa, diventando sacerdote. Questo accade nel 1593. Nominato arciprete del capitolo cattedrale di Ginevra, Francesco manifesta subito doti di zelo e di carità, di diplomazia e di equilibrio, che lo accompagneranno per tutta la vita e di cui darà prova esemplare nella difficile missione apostolica (1594-1598) nella regione del Chablais, dominata dal Calvinismo. Qui egli si dedica alla predicazione, scegliendo non la contrapposizione polemica, ma il metodo del dialogo. E, per incontrare i molti che non avrebbe mai potuto raggiungere con la sua predicazione, escogita il sistema di pubblicare e di far affiggere nei luoghi pubblici dei “manifesti”, composti in agile stile di grande efficacia. Questa intuizione, che dà frutti notevoli tanto da determinare il crollo della “roccaforte” calvinista, meriterà a San Francesco di Sales di essere indicato, nel 1923 da Papa Pio XI, come patrono dei giornalisti e scrittori cattolici.

La sua fama si diffonde, e bisogna proprio insistere perché egli accetti la proposta di diventare vescovo ausiliare di Ginevra: nomina ratificata da Clemente VIII nel 1599. I tristi avvenimenti che Francesco si appresta a vivere dal 1598 al 1602 (la morte del padre, le difficoltà economiche, i conflitti diplomatici, l’invasione della Savoia da parte dei francesi) non attenuano il suo impegno, né vengono meno i frutti spirituali della sua attività. Anzi, essi aumentano quando, alla morte di monsignor de Granier, vescovo di Ginevra, è destinato a succedergli (1602). Il suo amore per Dio, la sua semplicità e la sua dolcezza conquistano i cuori: a cominciare da quello della baronessa Giovanna Francesca Fremyot de Chantal (1572-1641), eccezionale figura di donna e religiosa (sarà canonizzata nel 1767), cofondatrice con Francesco dell’Ordine della Visitazione di Santa Maria. Infaticabile nella predicazione, nella catechesi, nell’amministrazione dei sacramenti, nelle visite pastorali, Francesco, per fortuna, non manca neppure di tracciare le linee della sua spiritualità sacerdotale. Nasce così la Filotea o Introduzione alla vita devota (1609), la sua prima e fondamentale opera ascetica, che avrà anche un grande successo editoriale e, qualche anno dopo, il Teotimo o Trattato dell’amor di Dio (1616). Qui è compendiato lo spirito della vera devozione religiosa, come la intende Francesco: non una manifestazione esterna, né una pratica rigida, com’era d’uso a quei tempi, bensì un costante perfezionamento di se stessi nell’unione perfetta con Dio e nell’esercizio delle virtù teologali.

Sono questi principi ispiratori a guidare la Visitazione di Santa Maria, l’istituto di vita monastica femminile, senza obbligo di clausura, fondato ad Annecy nel 1610. Francesco vuole infatti che l’istituto rinunci a ogni forma eccessiva di austerità corporale (aprendosi in tal modo anche a persone deboli di salute), per essere piuttosto una scuola di preghiera, contemplazione e “ascesi del cuore” (mortificazione, purificazione, penitenza, umiltà, dolcezza, pazienza): palestra interiore necessaria anche per prepararsi al servizio esterno dell’apostolato e della carità. In questo modo, le suore della Visitazione, Visitandine, potevano essere completamente di Dio senza essere distaccate dal mondo. La fondazione di un monastero della Visitazione a Lione, su richiesta dell’arcivescovo monsignor de Marquemont (1616), rappresenterà tuttavia una svolta nella vita della piccola congregazione diocesana e sarà il preludio della sua trasformazione in ordine religioso (1618).

Fino all’ultimo dei suoi giorni, Francesco offre una limpida testimonianza di ciò che significa amare Dio e i fratelli. La morte lo coglie a Lione il 28 dicembre 1622. Viene canonizzato nel 1665; più tardi, gli viene anche conferito il titolo di dottore della Chiesa (1877).

 

(Fonte: www.famigliacristiana.it)






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok