Vite esemplari

13 Giu 2019


Sant'Antonio di Padova

Rapide pennellate di una vita esemplare

Sant’Antonio di Padova. Il nome di questo santo è così strettamente legato alla terra patavina che pare aver trovato qui i natali. Invece Antonio nacque a Lisbona. Padova gli tributò la cittadinanza. È grazie a sangue-foresto che Padova ha potuto scrivere pagine di arte, storia, fede e bellezza, pensiamo ad Antenore, Giotto, Antonio appunto. Ogni anno, il 13 giugno, l’intera città si ferma per ricordare il Santo.  

Antonio arrivò a Padova a 32 anni percorrendo la via della predicazione. In quattro anni mise a soqquadro la città: scoperchiò soprusi, villanerie, ghigliottine… nessuno sconto, nessun raggiro, la sua parola era come un dardo che trapassava i cuori e li infiammava d’amore per la virtù. L’uomo-foresto aiutò gli uomini a farsi fratelli. Si occupò anche di galera. Sfidò il podestà, intercedendo per le vittime dell’usura. E vinse: il debitore senza colpa non finiva più dietro le sbarre ma doveva dare i propri bene in contropartita. Curioso: i santi-popolari di oggi son gli uomini impopolari di ieri.
La sua predicazione lo portò in molti luoghi e si tradusse in un'avventurosa scoperta dell'altro- l'altro mussulmano, l'altro eretico, l'altro povero, sofferente, carcerato... Il suo metodo era dialogico: evitare di imporre le proprie convinzioni e costruire tra sé e l'altro uno spazio condiviso, una via al bene comune.
La spiritualità antoniana, vicina agli agostiniani prima e ai francescani poi, era fatta di gesti concreti di solidarietà ed era voce di denuncia delle ingiustizie sociali. Da un lato la lotta contro la mediocrità morale, la superficialità e la corruzione della società e il desiderio di vivere l’ideale evangelico senza compromessi, dall’altro lo studio delle scienze umane e teologiche. A Padova Antonio trovò una ricca biblioteca e dei validi collaboratori nella stesura dei suoi testi. I Sermones di frate Antonio vanno considerati come l’opera letteraria di carattere religioso più notevole, compilata proprio a Padova in epoca medievale. Sant’Antonio aveva un debole per i centri culturali: in tutte le città ove si recava per la sua predicazione, privilegiava le università, in quanto luoghi di aggregazione di giovani; era infatti un esperto “pescatore di giovani”.
Giovani che, alla sua morte - avvenuta il 13 giugno 1231 dopo un periodo di ritiro a Camposampiero - andavano gridando “È morto il Santo! È morto il santo!”. 36 anni di vita dal profumo di santità, confermata da numerosi miracoli, tanto da meritarsi l’appellativo di “Santo dei Miracoli”.





ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok