Colle Val d'Elsa - Livorno

Il Miracolo Eucaristico si verificò durante una celebrazione eucaristica presso la piccola cappellina dell’Ospedale San Lorenzo di Colle Val d’Elsa, in provincia di Siena. Era lunedì 5 aprile del 1976.

Questa è la relazione che fece il sacerdote Don Veris Consumi che fu protagonista del prodigio: «Il giorno 5 aprile 1976 - nella Cappella dell’Ospedale di Colle Val d’Elsa, di cui sono Cappellano - mentre comunicavo le suore, mi cadde dalle mani un’Ostia consacrata che raccolsi subito e misi nel vasetto della purificazione dentro al tabernacolo. Dopo 3 giorni, parte dell’Ostia si era trasformata in un coagulo di sangue. Aspirai con la siringa un pezzetto del coagulo di sangue per farlo analizzare. I risultati dell’analisi confermarono che il campione risultava essere vero sangue mescolato ad acqua. Dissi tutto a S.E. Mons. Castellano e a Monsignor Pacini, Vicario Generale. Monsignor Arcivescovo Castellano, mi consigliò di prendere il coagulo con un cucchiaino e di metterlo su una carta bianca assorbente dentro una teca. L’acqua che era unita al coagulo si prosciugò ma il coagulo di sangue rimase impresso nella carta. Feci analizzare di nuovo l’acqua nella quale era contenuto il coagulo ed in questa, io stesso, vidi tracce di sangue che si manifestarono quando il chimico versò nella provetta il reattivo. Sono veramente impressionato e penso alla mia poca fede, al mio poco amore per Lui che si è manifestato presente sotto le apparenze del pane. Anche Monsignor Arcivescovo il Giovedì Santo mi disse: “Nostro Signore si vuol manifestare!”. Confesso con schiettezza che la prima analisi che feci fare, dalla quale risultò l’accertamento positivo, mise nel mio animo un vero entusiasmo unito ad una profonda gioia. Le suore, che erano al corrente dell’accaduto, erano veramente impressionate. Abbiamo sentito il profumo soave che emanava dal tabernacolo dove io ho posto l’ampolla con l’acqua e la goccia di sangue ed abbiamo sentito anche l’odore acre di una piaga».

Il coagulo di sangue assieme all’Ostia miracolosa vennero in seguito appoggiati su di una carta assorbente e conservati in un prezioso reliquiario che è conservato presso la cappella delle Suore Piccole Missionarie del Sacro Cuore ad Antignano-Livorno, le stesse che avevano assistito al Miracolo del 1976. Un particolare molto toccante è il soave odore che si sprigiona ogni anno dal tabernacolo nella ricorrenza del giorno del rinvenimento del Miracolo. Ogni 5 del mese viene esposta al pubblico la reliquia e si può partecipare alla Messa che viene celebrata in riparazione degli oltraggi che vengono fatti contro il Santissimo Sacramento.

Fonte: www.miracolieucaristici.org

Per leggere gli altri miracoli nella nostra rubrica clicca qui.

Di seguito, video-approfondimento a cura di Mirko Agerde sul significato dell'Eucaristia:










Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok