Storie

05 Mag 2021


Ricordando Ginetta Corbolante

Ricordando Ginetta Corbolante
Classe 1928, da poco più di una settimana aveva festeggiato il suo compleanno.
«Nella festa di San Giuseppe Artigiano, patrono di tutti i lavoratori, proprio lei, instancabile lavoratrice nella vigna del Signore, ci ha salutati, per la ricompensa eterna» commenta don Stefano Taffarel, parroco di Campodipietra.
Ginetta Corbolante è stata preside nell'Istituto comprensivo di Salgareda e professoressa di italiano presso l'Istituto Sansovino di Oderzo. Ha amato tanto il suo lavoro, la cultura e l'impegno di servizio in ambito sia ecclesiale che civile. 
Con la sua presenza apprezzata e significativa, sempre vicina e partecipe alle attività della comunità, Ginetta ha accompagnato molti ragazzi del catechismo fino a quando le forze fisiche lo hanno consentito. È stata una colonna e un punto di riferimento per l'Azione Cattolica, nella quale ha militato fin da giovane, guida di un nutrito gruppo di donne coetanee ed anche di un gruppo di preghiera. Tutti i giorni non mancava alla Santa Messa. Da quando la salute non le ha più permesso di uscire di casa, Francesca le portava la comunione e racconta la sua testimonianza: «Ci accompagnava con la preghiera, pregava per noi tutti, per non farci dimenticare che non ci salviamo da soli, ma nella preghiera e nell'accompagnamento reciproco intercede la Grazia del Signore».
Non possiamo dimenticare il suo impegno come missionaria v

Ricordando Ginetta Corbolante

olontaria in Burundi, dove ha servito per tanti anni sempre come insegnante, creando un centro di formazione professionale.
Il sindaco di Salgareda, Andrea Favaretto, ricorda commosso: «Sono stato suo allievo. Un anno fa, assieme ad altri ex alunni, le abbiamo fatto visita per la consegna di una pergamena di riconoscimento ad una insegnante che, oltre ad istruire, ha saputo educare, guidare e rafforzare l'autostima dei suoi ragazzi. Quando mi sono laureato e quando sono diventato sindaco, non ha mancato di scrivermi una lettera di ringraziamento».
«Proprio sabato 1 maggio, il pensiero di lei si è fatto intenso – commenta Gino Sutto, presidente parrocchiale di Azione Cattolica – nel desiderio di raccogliere la sua "eredità spirituale", per noi, per la nostra comunità, per tutte quelle persone che lei ha servito nell'accompagnamento e crescita nella fede. Ma non c'era bisogno di tante parole, perché il suo esempio, la sua testimonianza, la sua vicinanza, nella fatica e nella sofferenza di questi ultimi anni, in casa, dove la presenza Eucaristica del Signore non "doveva" mai mancare di accompagnarla e di accompagnarci, sono già eloquenti».
 
Oggi, alle ore 15.30, nella chiesa parrocchiale di Campdipietra, si svolgono i funerali.





ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok