Salute

18 Mag 2021


Insalata Mista prima dei pasti: 6 benefici irrinunciabili

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda il consumo di almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. Ma come inserirle nella nostra dieta per godere al meglio del beneficio di questi alimenti?

Un consiglio molto utile che ci viene dagli esperti è quello di mangiare un piatto di insalata mista cruda prima del pranzo o della cena, per cinque motivi:

1° beneficio: si assorbono meglio i principi nutritivi

Se si mangia l’insalata mista prima di tutto il resto, l’organismo, che all’inizio del pasto è affamato, riceve da subito vitamine, Sali minerali, enzimi preziosi e acqua biologica (elementi spesso carenti nella nostra alimentazione, soprattutto se frettolosa o sregolata).

2° beneficio: si è sazi prima

Dopo aver mangiato un piatto di insalata mista, ci si sente già un po’ pieni, quindi lo stimolo alla fame diminuisce ed è più facile ridurre la quantità di cibo da mangiare successivamente; ciò consente di evitare di consumare cibo più del dovuto.

3° beneficio: la digestione migliora e il gonfiore addominale diminuisce

La verdura cruda è ricca di enzimi che stimolano, e dunque facilitano, la digestione. Inoltre è ricca di fibre, che, se assunte all’inizio del pasto, non rimangono per troppo tempo all’interno dell’intestino insieme a tutto il cibo mangiato; il tempo di fermentazione così viene ridotto, insieme alla produzione di gas addominale, e quel senso di gonfiore che spesso segue al pasto si attenua o scompare.  

4° beneficio: diminuisce il gonfiore addominale

Quando consumi questi vegetali all’inizio del pasto, fai sì le verdure crude non rimangono per troppo tempo nell’intestino tenue insieme al resto di tutto il cibo mangiato. Quindi, succede che si riduce la fermentazione e la conseguente produzione di gas addominali. In questo modo benefici delle fibre, che sono presenti nelle verdure e che sono fibre di ottima quantità, utili per esempio in caso di stitichezza o quando l’intestino magari funziona tutti i giorni, ma non funziona quanto vorremmo, però senza avere quelle fastidiosissime controindicazioni di avere una produzione eccessiva di gas che invece si crea se mangi le verdure a fine pasto.

5° beneficio: si controllano meglio gli sbalzi glicemici

Assumendo fibre prima dei pasti, si ottiene un buon risultato rispetto all’assorbimento sia dei carboidrati che dei grassi contenuti nei cibi che si mangiano successivamente: nell’apparato intestinale si forma una benefica pellicola gelatinosa, che riduce la velocità con cui gli zuccheri dei cereali, per esempio se si mangia pasta o pane, vengono assorbiti dall’organismo; in questo modo i livelli di glucosio nel sangue rimangono più regolari e anche i picchi insulinici diminuiscono. Ciò significa: esercitare un miglior controllo sul proprio peso, che tende a rimanere più regolare; controllare in modo naturale il diabete; avere più energia a disposizione (perché gli zuccheri vengono assorbiti più lentamente); evitare disturbi di carattere infiammatorio.

6° beneficio: si consuma il giusto quantitativo di verdure

Se si mangia per prima cosa un bel piatto di pasta o di cereali, il posto per le verdure di contorno sarà senz’altro ridotto e spesso anche di molto. Mangiarle prima della portata principale significa mangiarne di più e mangiarle ad ogni pasto, cosa assolutamente consigliata per avere il giusto apporto di vitamine e sali minerali.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok