QualBuonVeneto

08 Lug 2021


Conclusa la Family edition di Alice inCONtra Pollicino

Alice e Pollicino hanno incontrato le famiglie per parlare di figli, crescita e prevenzione alla violenza di genere.

Si è concluso il percorso di formazione Alice inCONtra Pollicino - Family Edition che ha visto coinvolti genitori di bambini e preadolescenti nell'affrontare temi legati alla prevenzione della violenza e degli stereotipi di genere.

C'è stata una buona adesione da parte dei genitori con 426 iscritti, 10 Istituti comprensivi coinvolti su 13, su un territorio di 25 Comuni dell’area coneglianese, del vittoriese e del pievigino.

La Family Edition è una rimodulazione del progetto Alice inCONtra Pollicino che coinvolge le Amministrazioni Comunali e i Dirigenti degli Istituti Scolastici nel territorio del Distretto di Pieve di Soligo – Ulss 2 Marca Trevigiana, è promosso da Fondazione di Comunità della Sinistra Piave Onlus, da anni impegnata sul tema attraverso la campagna Alice in collaborazione con Latteria Soligo e condiviso con la Prefettura di Treviso. Il progetto nasce come un insieme di laboratori educativi da realizzarsi a scuola a partire dalla 4^ Primaria fino alle 3^ Secondaria di Primo grado da parte del servizio Operativa di Comunità dell’Ulss2 gestito dalla Cooperativa sociale Itaca. A causa delle restrizioni dovute all’emergenza COVID19 non è stato possibile portare a termine la proposta originaria. Per questo motivo, fermo restando il desiderio di sensibilizzare il territorio in merito all’argomento, si è valutato di sospendere momentaneamente gli interventi negli Istituti Scolastici e avviare una serie di incontri,  via piattaforma MEET, rivolte ai genitori di bambini e preadolescenti. È nato così Alice incontra pollicino – Family Edition. Le attività rivolte ai genitori sono state articolate in un ciclo di incontri nei quali sono stati presi in esame aspetti quali: educazione socio-affettiva, stereotipi, pregiudizi, aggressività, rispetto reciproco e dei ruoli di genere, ricerca di soluzioni non violente ai conflitti che possono insorgere nei rapporti interpersonali e focalizzando l’attenzione sul diritto all’integrità personale. Tali argomenti sono stati trattati a partire dall’esperienza e dai vissuti dei genitori che, attraverso gli stimoli proposti, hanno potuto condividerle e vivere un’esperienza di confronto con gli altri genitori.

«Il progetto ha l’obiettivo di accrescere consapevolezza nei ragazzi su una tematica prioritaria e quindi ha una valenza particolarmente importante afferma il Presidente di Fondazione di Comunità, Fiorenzo Fantinel –. Un esempio di qualità del lavoro sinergico sul territorio e di come Latteria Soligo traduce nel concreto il suo impegno per il territorio. Un segnale anche alla politica, perché mai come ora c’è necessità di attivare processi con prospettive di medio e lungo corso».

Il riscontro è stato positivo, i temi trattati sono stati ritenuti molto utili per essere più consapevoli del proprio ruolo genitoriale, capire meglio i bisogni del figlio a questa età, riflettere sul proprio stile genitoriale, conoscere nuovi strumenti per rafforzare la comunicazione e poter discutere con un educatore su temi importanti per l'educazione del figlio.

I genitori hanno lanciato spunti interessanti per lo sviluppo del progetto, indicando delle tematiche che vorrebbero affrontare; ad esempio come comportarsi e come intervenire nei confronti dei cambiamenti preadolescenziali, come impostare il dialogo costruttivo con i figli, la prevenzione alla violenza psicologica; in quale modo rispondere alle domande "segrete" a volte imbarazzanti dei figli; l'influenza dei social sul tema della prevenzione alla violenza e agli stereotipi di genere.

Anche gli operatori coinvolti hanno rilevato che temi quali la violenza di genere più prettamente dal punto di vista psicologico, come spiegare a bambini e ragazzi cos’è la violenza di genere anche attraverso la lettura dei dati, avere più tempo per poter rispondere alle domande dirette sulla tematica, potranno essere approfonditi maggiormente nel prosieguo del progetto.

Per gli operatori coinvolti, la fatica più grande è stata affrontare l'argomento violenza di genere nei giusti modi, senza creare chiusura nei genitori. Per contro, la soddisfazione più grande è stata creare alleanza educativa con i genitori e poter essere per loro punto di riferimento.

Il desiderio espresso da genitori ed operatori è di poter avere più tempo a disposizione e di potersi incontrare e confrontare in presenza.

Il progetto Alice inCONtra Pollicino è dunque pronto a ripartire con un bagaglio di nuove esperienze.






ABOUT AUTORE





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok