Parola del giorno

18 Apr 2021


Una prospettiva alt(r)a

“Pace a voi”

Dopo l’esperienza sconvolgente dell’incontro del Signore risorto con i due discepoli di Emmaus, questi ritornano per narrare agli altri undici “ciò che era accaduto lungo la via e come Lo avevano riconosciuto nello spezzare il pane”. Lo avevano riconosciuto quando Cristo risorto aveva spezzato il pane, quando si era fatto pane per i due; quando Egli aveva mostrato l’amore donato, ovvero quando il Signore aveva donato se stesso, nella condivisione di se stesso. Gesù è presente ogni qualvolta l’amore che, ciascuno di noi riceve dal Signore, si trasforma in amore comunicato agli altri.

Nel momento in cui i discepoli di Emmaus testimoniano la loro esperienza dell’incontro con il Risorto, Gesù appare e si mette in mezzo a tutti affinché tutti possano fare l’esperienza del suo corpo risorto, offrendo loro pace e perdono: “pace a voi” e “nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati”.

Luca, afferma che il Signore “venne”, come aveva detto Giovanni: “Egli venne ad abitare in mezzo a noi” (Gv 1,14), il Signore è il Veniente, Colui che cerca sempre nuove strade per raggiungere l’umanità e fare comunione con tutti, colui che venne in mezzo ai discepoli di Emmaus e fece la strada con loro, condivise con loro la Parola e il Pane; ed ora condivide non solo la parola e il cibo e da mangiare, ma anche la pace e il perdono: Egli stette in mezzo a loro.

Al suo ingresso la prima cosa che dà è lo shalom: “Pace a voi!”. Pace, la traduzione dell’ebraico Shalom, indica tutto quello che concorre alla pienezza, alla felicità delle persone e Gesù può fare questo invito alla felicità perché lui è il responsabile di questa felicità. Gesù dona la pace che è quella serenità dello spirito che permette poi di capirci, di fare luce nei nostri rapporti, di comprendere e di vedere il sole più che le ombre, di distinguere tra il Signore e un fantasma, tra il volto umano di una persona da abbracciare e l’ombra di un possibile nemico da evitare. I discepoli erano rimasti soli, sconfortati dalla morte del loro maestro, arrabbiati per il loro mancato progetto umano, ma proprio ciò che manca a questa comunità di discepoli sconvolta è ciò che Gesù dona. La pace per la comunità dei credenti è un dono di Dio attraverso il Risorto. Proprio ciò che manca ancora oggi per l’umanità. Gesùi mostra le mani bucate e il costato trafitto, che sono il prezzo della pace che Egli ha donato e anche il costo del riscatto dell’umanità. Tutti segni del suo amore.

Gesù fa fare ai discepoli l’esperienza concreta con il suo corpo per poter passare dalle paure e dall’incredulità alla certezza della sua risurrezione: mostra il proprio corpo affinché possano toccare, guardare attentamente e gli offrano il pesce. Il suo corpo visto e condiviso è segno della pace e della serenità di cui il mondo ha bisogno.

Dopo quest’esperienza Gesù parla anche della conversione e del perdono dei peccati come frutto della sua morte e risurrezione. Il Signore risorto apre ai suoi discepoli la mente all’intelligenza delle Scritture: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati. Il perdono che i discepoli hanno ricevuto dal Cristo, devono essere capaci di donarlo in abbondanza. La testimonianza di cui parla Gesù è il vissuto del perdono come dono ricevuto e che dev’essere donato, pertanto i discepoli devono invitare tutti a perdonare… è questa la buona notizia.  La testimonianza deve essere portata a tutti. Infatti, Giovanni nella seconda lettura afferma che: “È lui la vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo” e questa testimonianza deve cominciare da Gerusalemme, dalla loro città, il luogo che si è rivelato ostile. Gesù invita dunque ciascuno di noi a rendere testimonianza esattamente là dove viviamo, anche in un contesto poco o nulla accogliente.

Il discepolo missionario è chiamato ad essere testimone della pace e del perdono. Infatti, “portare il Vangelo è annunciare e vivere noi per primi la riconciliazione, il perdono, la pace, l’unità e l’amore che lo Spirito Santo ci dona”.

P. Osorio Citora Afonso, missionario della Consolata






ABOUT AUTORE









Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok